News del 25 Marzo 2010

Istituzioni

La Slovacchia apre una sede consolare a Dallas, Texas

Nel prossimo mese di Maggio la Slovacchia aprirà negli Stati Uniti, Texas, Dallas, una nuova sede consolare. Il giorno successivo all’inaugurazione, ossia il 4 Maggio, si terrà un seminario sugli investimenti organizzato dalla Camera di Commercio America-Slovacchia, dalla Sario –Agenzia del Ministero dell’Economia Slovacco per la promozione degli investimenti in Slovacchia e per il commercio estero, dalla Camera di Commercio di Dallas. Presenti al forum, tra le altre, le testimonianze della US Steel, della Dell, della Ernst Young; primarie società a capitale Usa operanti in Slovacchia.

(La Redazione)

La Slovacchia solidale a fianco della Grecia

Per bocca del Premier Robert Fico la Slovacchia auspica una pronta politica di intervento e di solidarietà per le difficoltà finanziarie in cui attualmente versa la Grecia. Anche se, sempre per Fico, tenuto conto delle posizioni estremamente divergenti dei partners comunitari, non si prevedono reali possibilità di raggiungere una rapida soluzione durante il meeting del Consiglio d’Europa che si tiene oggi e domani a Bruxelles. Fico, infine, si è detto favorevole ad un intervento misto, che preveda linee di credito erogate sia dal FMI che dall’UE.

(La Redazione)

Le società di gestione degli acquedotti potrebbero avere problemi con la Ue

Singolari ma di non semplice risoluzione i problemi a cui potrebbero andare incontro, a breve, molte società di gestione di acquedotti. I notevoli investimenti fatti, in molte Regioni della Slovacchia, per allacciare le abitazioni soprattutto delle zone rurali agli acquedotti pubblici non stanno sortendo le adesioni ipotizzate ed auspicate. Solo una media tra il 30 ed il 40 percento delle famiglie ha infatti fatto richiesta di allaccio; mentre le altre sembrano preferire il tradizionale pozzo artesiano. La ragione sta nei costi giudicati onerosi per l’allaccio stesso. Ma le rigide norme comunitarie stabiliscono che, qualora nei 36 mesi successivi alla fine dei lavori almeno il 90 percento delle utenze non si sia allacciato, dovrà essere restituita a Bruxelles una parte del contributo a fondo perduto ottenuto. Attualmente, circa l’86 percento dell’intera popolazione della Slovacchia si serve di acque pubbliche, mentre il 14 utilizza i propri pozzi. La percentuale, secondo le stime del Ministero dell’Ambiente che sta mappando l’intero territorio nazionale è di raggiungere quota „90“ entro il 2015 e quota „100“ entro il 2027. Si stanno valutando anche facilitazioni economiche per le famiglie a basso reddito.

(La Redazione)

E’ ufficiale il “no” dell’Ambiente all’oleodotto tra Slovacchia ed Austria

Il Ministro dell’Ambiente Jozef Medved ha ufficialmente confermato che non appoggerà il progetto di realizzazione del nuovo oleodotto che interesserebbe l’area ad alto valore ambientale di Zitny Ostrov, il più grande bacino naturale di acqua dell’area Cee. Il progetto, di 62 chilometri, che dovrebbe collegare la raffineria Slovnaft di Bratislava con Schwencat –raffineria OMV in Austria era stato presentato dal parlamentare Peter Pelegrini, che aveva poi però ritirato la proposta a seguito delle dure reazioni al progetto sia degli ambientalisti che di molte associazioni civiche ed anche delle forze politiche.

(La Redazione)

Fino a che punto sono attendibili le previsioni sul voto?

Con cadenza settimanale, ed almeno da  sei mesi, molti istituti specializzati ci forniscono stime più o meno divergenti sui prossimi risultati delle elezioni politiche del 12 Giugno 2010. Le stime hanno però una variabile di incertezza aggiuntiva, causata dalla soglia di sbarramento del 5 e del 7 percento: soglie sotto le quali i singoli partiti o le coalizioni tra partiti non avranno loro rappresentanti eletti. Ad oggi, di certo, solo tre partiti navigano stabilmente sopra queste soglie: lo Smer-Sd, lo Sdku-Ds ed i Cristiano Democratici dello Kdh. Per tutti gli altri, l’esito è fortemente incerto. Se andiamo a verificare i dati „previsionali“ delle elezioni 2006 con i risultati ex-post troviamo infatti importanti „incongruenze“. Nel 2006, ad esempio, lo Sdku era stato previsto intorno al 13 percento ma ebbe un 18,4; mentre il Forum della Libertà –SF- stimato ben oltre il 5 percento non riuscì a raggiungere detta soglia. Quindi, alla endemica possibilità di errore delle previsioni occorre aggiungere la tendenza di molti elettori a cambiare la loro opinione; la grande componente di elettori che andranno a votare per la prima volta; la soglia di sbarramento che, per molti esperti, potrebbe ingenerare dei diversi comportamenti di voto, a favore dei partiti „sicuri“ di avere comuqnue una rappresentanza (paura del voto disperso). In più, last but non least, l’incertezza data dalla storica bassa affluenza dei votanti.

(Fonte Tasr, commento Redazione)

Fico vorrebbe rivedere le aliquote delle persone fisiche. Ma non delle società

Durante un incontro che il Premier Robert Fico ha avuto lo scorso Martedi con membri della Camera di Commercio America-Slovacchia è stato da questi ribadito che potrebbe essere ripensata la flat rate sui redditi, ma limitatamente alle persone fisiche; senza toccare la aliquota dei redditi delle società e senza introdurre nuove tasse. Questa ipotesi di ritornare, almeno in parte, ad un sistema di aliquote progressive era, in realtà, tra i punti programmatici del Governo Fico all’atto del proprio insediamento nel 2006. Ma di fatto non era stato mai realmente discussa. Se non introducendo la cosidetta “tassa sui milionari” e diminuendo la fascia di esenzione.

(La Redazione)

Ha presentato le proprie credenziali il nuovo ambasciatore Slovacco in Kuwait

Ivan Lancharsh, nuovo ambasciatore Slovacco, ha presentato le proprie credenziali al VicePremier e Ministro degli Esteri del Kuwait  Sheikh  Mohammad Sabah Al-Salem Al-Sabah. La cerimonia ha visto anche l’accettazione delle credenziali del patriarca Peter Rajec, nuovo ambasciatore del Vaticano.

(La Redazione)

Economia

E‘ ripartita la locomotiva Slovacca?

Secondo le primissime indicazioni previsionali, ufficializzate oggi dalla Banca di Stato e basate su modelli econometrici delle primarie banche commerciali Slovacche, la variazione anno-su-anno del Pil Slovacco, sarebbe di un ottimo più 4 percento nel primo trimestre 2010. Per quanto riguarda l’intero 2010, le stesse stime riportano un incremento atteso più modesto, ma comunque ottimo, il 2.6 percento. Mentre, per il prossimo 2011, si attende un più significativo aumento del 3,7 percento. Le stime del 2010 sono rimaste invariate rispetto ai dati pubblicati un mese fa. Piccolo rialzo anche per il dato sull’inflazione attesa, sulla base della metodologia armonizzata Ue, con un più 1,6 percento rispetto al precedente 1,5. Il dato tiene conto, essenzialmente, della componente inflattiva causata dall’indebolimento dell’Euro rispetto al dollaro. Il tasso di inflazione calcolato con la metodologia dell’Istituto Centrale di Statistica segna, parimenti, un aumento al 2.1 percento in Marzo; rispetto al 2 percento registrato nel mese di Febbario 2010. Con riferimento, invece, ai dati 2009, sembra che la diminuzione del Pil Slovacco riporterà un globale meno 4,7 percento, molto inferiore rispetto alle stime di soli pochi mese fa ed anche migliore delle ultime previsioni ufficiali della NBS (meno 4.9 percento) e del Ministero delle Finanze (meno 4.8 percento). Il contenimento del dato negativo è principalmente dovuto ad un forte miglioramento della produzione industriale nell’ultimo trimestre, che ha fatto segnare sul Pil un meno 2,7 percento; pari ad un più 2 percento rispetto al dato registrato nel terzo trimestre.

(Fonte Tasr, commento Redazione)

Imprese

Nuovi investimenti nella produzione di compressori

L‘impresa Embraco Slovakia, società controllata dalla multinazionale brasiliana Embraco, specializzata nella produzione di compressori, intende realizzare un altro investimento in Slovacchia del valore di 20 milioni di euro. Lo rende noto l’ICE. Sono state avviate trattative sulle possibilità dell´ampliamento dello stabilimento già presente a Spisska Nova Ves, nella Slovacchia nordorientale, con nuove tecnologie: alle trattative ha partecipato anche il Ministro dell´Economia slovacco Lubomir Jahnatek. Fino ad oggi Embraco ha investito in Slovacchia oltre 185 milioni di euro, dando lavoro a circa 1.800 persone.

(La Redazione, da www.ilportalino.it)

La Tournigan Energy Ltd dichiara di avere trovato importante presenza di uranio

Nella fascia dell’uranio, e precisamente nel deposito di Kuriskova, a valere dei dati forniti dalla società Tournigan Energy, sono state rilevate, dopo una serie di indagini geologiche e perforazioni, tracce importanti di presenza di uranio. I dati sono stati confermati dalla società Tetra Tech, Inc. che ha condotto le indagini in situ e certificato le percentuali del prezioso minerale identificate.

(La Redazione)

Prodotti nel 2009 oltre 450.000 autoveicoli

I dati dei diversi produttori registrano una diminuzione, rispetto all’anno 008, di circa 116.000 autovetture prodotte; pari ad un meno 20 percento. Nel 2008 la produzione era salita, rispetto al 2007, di 4.700 unità. C’è però un’eccezione, costituita dal gruppo PSA Peugeout Citroen, che ha prodotto nel 2009 ben 17.000 automobili in più dell’anno precedente, superando quota 200.000.

(La Redazione)

Tatra Banka annuncia importanti novità sui mutui

Tatra Banka ha annunciato oggi sostanziali novità che riguardano i criteri di erogazione dei mutui ipotecari. I tassi scendono al 3,99 percento mentre per il prodotto „mutuo americano“ partono dal 4,49 percento. La diminuzione è dello 0,30 percento. Anche la percentuale massima erogabile è più favorevole, arrivando sui mutui ordinari al 100 percento del valore periziato ed all’80 percento del valore sui mutui americani. Per i giovani i tassi sono ancora più favorevoli, essendo adesso a partire da un 1,59 percento con possibilità di bloccare l’indicizzazione sino ai primi cinque anni di vita del mutuo. Il valore più alto del reddito mensile  dei richiedenti, per avere le descritte agevolazioni è stato infine innalzato di 120 Euro, attestandosi adesso su 1.057,19 Euro.

(Fonte Tatra Banka)

Cronaca interna

Anche la Vub concorre al salvataggio del castello di Lietava

La Fondazione della Vub ha concorso alla parziale ricostruzione di uno dei più importanti castelli Slovacchi, a Lietava. Il castello, che risale al 13° secolo, è attualmente uno dei più importanti ed estesi castelli Slovacchi che necessitano di significativi interventi. E’ anche annoverato tra i 100 più importanti siti storici al mondo da restaurare. Il castello, abbandonato da oltre 250 anni, è stato anche centro amministrativo e militare. Significativi, tra l’altro, i mosaici qui presenti, che attraggono turisti di molte diverse provenienze.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*