EPH finalizza acquisto 49% dell’utility SSE con un prestito da 240 milioni

Il gruppo energetico e industriale ceco Energeticky a prumyslovy Holding (EPH) ha raggiunto un accordo con un gruppo di banche ceche e slovacche, con capofila UniCredit, per prendere un prestito da 240 milioni di euro allo scopo di finanziare l’acquisizione del 49% della società energetica slovacca Stredoslovenská Energetika (SSE). La transazione era stata concordata a maggio di quest’anno, e si è conclusa alla fine di novembre, con il passaggio delle azioni dalla francese Electricité de France (EDF), dopo l’approvazione dell’autorità antitrust e di Bruxelles.

L’acquisto del distributore regionale di energia elettrica SSE (che ha sede a Zilina ed è il secondo maggiore player nazionale del settore con oltre 700mila clienti e una storia ultracentenaria) rafforza la posizione in Slovacchia di EPH, che alla fine dello scorso anno aveva acquisito il 49% di un’altra società energetica di primo piano, l’utility del gas slovacca Slovensky plynarensky priemysel (SPP). In entrambi i casi, EPH si è aggiudicata anche la gestione aziendale, mentre lo Stato mantiene la maggioranza solo in Assemblea con il 51% delle azioni.

La minoranza di SSE, che sarebbe costata ai cechi circa 400 milioni, era stata privatizzata dallo Stato slovacco undici anni fa a EDF per la somma di 158 milioni di euro.

(La Redazione)

Foto black_wall@flickr

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.