News del 21 Aprile 2010

Speciale vulcano

L’Europa, lentamente, torna alla normalità

La giornata di oggi ha visto la ripresa di gran parte del consueto traffico aereo, anche se non basterà a recuperare l’arretrato in termini di ricoperture necessarie a garantire il rientro di decine di migliaia di viaggiatori stremati, ed anche spesso in difficoltà finanziarie. L’aeroporto di Bratislava ha ripreso ma solo a marce ridotte la propria attività, in conseguenza della decisione di ieri della RyanAir che ha procrastinato alle ore 07,00 di domani, Giovedi, la ripresa dei propri collegamenti. Operative Czech Airlines, Danube Wings, Aeroflot. Poche le cancellazioni a Vienna, e solo un notevole ritardo per l’Austrian Airlines da Helsinki. Ripresi anche i collegamenti con la Germania. Abbastanza bene anche Budapest, che però registra cancellazioni sulla Germania, Francia ed Inghilterra; limitatamente però a circa un cinquantapercento delle partenze previste. Occorre peraltro sottolineare che rimane un senso di dispiacere per come è stata gestita la crisi, e per la consapevolezza che, se i modelli meteorologici hanno „funzionato“, questi non segnalavano peraltro la „densità“ della presenza di ceneri pericolose, offrendo quindi uno strumento estremamente parziale a coloro che hanno dovuto decidere per la chiusura di tanti spazi aerei, preferendo –ovviamente- ed anteponendo l’incolumità dei passeggeri ai disagi degli stessi ed alle perdite registrate dalle compagnie aeree. La natura, ancora una volta, ci ha fornito una chiara dimostrazione della propria superiorità ed una lezione di vita. Che speriamo faccia riflettere.

(Ettore Bellucci)

Istituzioni

Il Ministero degli Esteri „ammonisce“ i viaggiatori per il Nord America

Giusto monito dal Ministero degli Esteri a tutti gli Slovacchi che oggi e nei prossimi giorni sono in partenza per gli Usa ed il Canada. Per evitare grossi disagi è assolutamente indispensabile mettere in conto ulteriori possibilità di blocchi od interruzioni parziali all’attività aerea, garantendosi una sufficiente disponibilità economica per sostenere eventuali „allungamenti forzati“ del periodo di permanenza; nonchè idonee coperture assicurative e possibilità di alloggio. La nota del Ministero si chiude con un invito -ovvio ma non da tutti accolto- a consultare la propria compagnia aerea per le informazioni più aggiornate prima della partenza.

(Fonte Tasr)

Economia

Sario Daily Media Monitoring

Pubblichiamo alcune tra le molte interessanti notizie della newsletter quotidiana della Sario – Agenzia del Ministero dell’Economia per la promozione del Commercio Estero e gli Investimenti della quale Slovakia Group è Business Partner. La newsletter è stata firmata dalla nostra collega Magdaléna Mičková.

– Si sta lavorando sull’avveniristico hub di trasporto integrato che potrebbe, a partire dal 2020, essere in funzione nella località di Zahorie con una capacità di transito di 200 milioni di tonnellate annue di merci. Il nodo dovrebbe utilizzare quattro diverse modalità di trasporto e logistica (aria, acqua, ferrovia, strada). E’ quindi ipotizzata, tra gli altri, con un investimento di 37 milioni di Euro, la realizzazione di un aeroporto, di una stazione ferroviaria e di docks per il trasporto di containers.

– La società Bucina DDD, controllata dal gruppo Austriaco Kronospan, sta verificando la possibilità di investire tra i 35 ed i 50 milioni di Euro per l’allargamento della propria produzione e per l’ambiente. E’ in cantiere il raddoppio della capacità produttiva di pannelli di legno in truciolato e l’azienda ritiene di potere in questo modo dare lavoro a circa 50 nuovi operai.

– L’azienda SPP, dovrebbe divenire l’esclusiva proprietaria della controllata Spp Bohemia. Il via libera all’operazione è stato dato dall’Ente antitrust PMU e si concretizzerà attraverso l’acquisto del pacchetto di azioni in portafoglio alla società Europgas.

– “In risposta” al piano di allargamento del numero dei punti vendita di cui abbiamo dato nota ieri, reso pubblico dalla società Tesco, replica oggi la Coop Jednota Slovensko che, a propria volta, ufficializza il progetto di aprire altri 38 punti vendita nel corrente 2010, con circa 1.200 nuovi assunti.

(Fonte Sario)

Il Pil del 2010 al 2,8 percento

Il Sottosegretario del Ministero delle Finanze, Frantisek Palko, ha oggi evidenziato durante un proprio intervento in una conferenza organizzata dalla Coface la stima di crescita del Pil Slovacco 2010 al 2,8 percento.  Il Ministero, secondo lo stesso Palko, ritiene altresì che il disavanzo pubblico al termine del corrente anno si situi intorno al 5,5 percento del Pil. I dati del Ministero delle Finanze –che sono sempre i meno „ottimistici“- vanno comunque in miglioramento. Concause una migliore reattività dell’economia dell‘Eurozona alla crisi del 2009 ed un miglioramento delle aspettative sulla ripresa economica mondiale.  Tra gli elementi „trainanti“ della ripresa dell’economia Slovacca i progetti PPP; mentre le ombre residue sono l’alto tasso di disoccupazione che alimenta una diminuzione attesa dei consumi del settore famiglie. Il 2009, lo ricordiamo, ha chiuso con una diminuzione del Pil del 4,7 percento ed un peggioramento del debito pubblico al 6,3 percento.

(Fonte Tasr)

Per Deloitte il sistema bancario è sano

Stabili, ed in buona salute. Questa, in estrema sintesi, la radiografia del sistema bancario Slovacco effettuata dalla Deloitte ed ufficializzata ieri in conferenza stampa dal Direttore della Sezione Consulenza Ivan Luzica. In particolare, non hanno visto nel giusto le „cassandre“ che avevano ipotizzato un allontanamento dal Paese degli istituti controllati da case madri estere. Infine, Luzica ha sottolineato come le banche stiano „modernizzandosi“, proponendo al mercato nuovi prodotti e servizi a dimostrazione di avere superato la fase più critica della crisi.

(Fonte Tasr)

La Slovacchia è ancora poco nota „all’americano medio“

Un importante roadshow è stato promosso la scorsa settimana, negli Usa, dallla CEE –acronimo per Central European Experience– che ha cercato di portare all’attenzione di oltre 300 tour-operators Statunitensi  il Paese e Bratislava, sua capitale. Ne è emerso, e non ci stupisce, una scarsa conoscenza del passaggio storico  dalla „Cecoslovacchia“ a Slovacchia e Cechia. Inoltre, se qualche americano è stato a Praga, ben pochi, ancora, hanno una qualche conoscenza di Bratislava. Anche tra gli stessi addetti ai lavori è emersa chiara la necessità di lavorare molto, ed incisivamente, sulla identificazione degli „attrattori“ turistici –ossia sulle motivazioni che dovrebbero spingere il turista americano medio- a scegliere la Slovacchia per una vacanza. Scartata la destinazione „sci“, è emerso che gli americani sono molto maggiormente spinti dalla presenza di castelli, remoti e storici villaggi e borghi, e dalla presenza di località termali. Nonchè, dalla Città di Kosice, „eletta“ a Capitale Europea della Cultura 2013.

(Fonte Tasr)

Imprese

Non piacciono le offerte „al ribasso“  della Skanska

Secondo un articolo pubblicato oggi dal quotidiano Hospodarske Noviny e ripreso dalla Tasr, ci sarebbe in atto una polemica tra l’importante società Svedese, attiva nel settore delle costruzioni, e l’associazione Slovacca dei Costruttori. Questa infatti avrebbe scritto al Ministro dei Trasporti Lubomir Vazny sottolineando “ l’impossibilità“ di chiudere in profitto appalti a cui ha partecipato la stessa Skanska –nel settore opere pubbliche stradali e ferroviarie- con ribassi del trentapercento medio. Tali ribassi, vengono giudicati pratica di dumping, ossia „sottocosto“ e non „corretti“. Ma, secondo la stessa voce, l’Associazione sarebbe „andata oltre“, asserendo che ai ribassi seguirebbero poi degli incrementi in quanto a „varianti in corso d’opera“ e che la stessa qualità dei lavori non ottempererebbe ai capitolati d’appalto. Quanto basta per prevedere una sicura replica della Skanska.

(Fonte Tasr)

Speciale Elezioni Politiche 12 Giugno 2010

Sorpreso dai risultati del sondaggio Miroslav Kusy

Si è dimostrato „sorpreso“ dai risultati del sondaggio della Median SK il noto analista politico Miroslav Kusy, che ha dichiarato ieri alla Tasr l’importanza di vedere suffragare tale tendenza, nettamente a favore dei tre partiti al Governo, anche da altri sondaggi che verranno pubblicati nei giorni prossimi. Pur non mettendo in alcun dubbio nè la serietà del campione nè la correttezza e veridicità dei risultati, Kusy ha evidenziato come i risultati dei partiti che „si muovono“ intorno alla soglia del cinquepercento e l’alta percentuale di „indecisi“ caratterizzano un’alta volatilità nelle previsioni di voto. Molti elettori secondo l’analista rimanderanno la loro decisione di voto all’ingresso nel seggio.

(Fonte Tasr)

Sas, Smk e Most-Hid fuori dal Parlamento?

L’ultimo sondaggio condotto in Marzo sulle intenzioni di voto per le prossime Elezioni Politiche del 12 Giugno, condotto dall’istituto specializzato Median Sk ha riservato più di una sorpresa. Sono solo cinque, infatti, i partiti che oltrepasserebbero la soglia di sbarramento del 5 percento: i tre dell’alleanza di Governo ed i due partiti di opposizione SDKU-DS e KDH. Più precisamente, rimarrebbero fuori la SaS -Libertà e Solidarietà- con il 4,3 percento; lo SMK pro-Ungheria con il 3,9 percento ed il nuovo movimento da questi transfuga Most-Hid con il 2,3 percento. In Parlamento quindi i soli Smer-SD con un ottimo 44 percento (più 0,1 rispetto al mese scorso); seguito da SDKU-DS e KDH con, entrambi, il 13,1 percento dei consensi. Chiudono lo Sns con il 7 percento (in crescita dello 0,9 percento) e lo LS-HZDS con il 6,1 percento.  Il 24,8 percento del campione degli intervistati ha evidenziato che non si recherà a votare, mentre il 9,4 si è dimostrato fortemente indeciso. All’opposto, il 31,4 percento di coloro che hanno risposto hanno espresso piena sicurezza nell’individuazione del loro „partito“  mentre il 31,1 hanno risposto che probabilmente andranno a votare. Rispetto all’ultimo sondaggio della Median SK del mese di Febbraio lo SMK è risultato il partito con la maggior diminuzione di favore (meno 2,3 percento). In diminuzione anche la SaS (meno 0,5 percento) e lo LS-HZDS (meno 0,2 percento). All’opposizione, in aumento invece il KDH con un più duepercento. (Fonte Tasr)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google