News del 22 Aprile 2010

Imprese

Seagle Air porta i libri in tribunale

Il tribunale fallimentare di Banska Bystrica ha reso noto ieri di avere ricevuto dalla compagnia aerea Seagle Air la richiesta di apertura di procedura fallimentare. La Corte ha provveduto quindi alla nomina di Vladimir Vanko quale curatore ed ha invitato i creditori ad insinuarsi nel passivo. La richiesta dello stato di protezione è stata motivata da una class action del personale dipendente del vettore per arretrati su stipendi non corriposti. Ricordiamo che, nell’Ottobre dell’anno scorso l’Autorità di Volo aveva sospeso la licenza alla Seagle Air perchè l’aveva trovata sprovvista degli adeguati ratios patrimoniali.  Da parte dei vertici della stessa, peraltro, si è sempre addebitato l’attuale stato di disequilibrio finanziario alla mancata formalizzazione dell’accordo con il partner Italiano Skyone. Fa comunque riflettere la fragilità finanziaria di tanti, troppi operatori –e non ci riferiamo all’unica realtà Slovacca- che dimostra quanto l’intero comparto abbia necessità di regole più severe e di maggiori capitali, tenuto conto che non è possibile „giocare“ con la vita dei passeggeri.

(Fonte Tasr, La Redazione)

Speciale Elezioni politiche 12 Giugno 2010

Un altro sondaggio presenta dati sensibilmente diversi

E‘ uscito un altro sondaggio di opinione, commissionato dall’emittente televisiva TA3 all’istituto Focus. I risultati, resi noti nella giornata di ieri, evidenziano un quadro significativamente diverso da quello precedentemente emerso agli inizi di questa stessa settimana. Secondo la Focus sarebbero 7 e non più 5 i partiti ad avere parlamentari eletti, e quindi ad aver superato la soglia di sbarramento del cinquepercento. Appare ancora lo Smer-Sd l’incontrastato partito di maggioranza relativa, ma allo stesso vengono adesso attribuiti „solo“ il 36.8 percento delle preferenze, mentre il partito più importante all’attuale opposizione, lo SDKU-DS secondo lo stesso sondaggio viene quotato al 13,4 percento. Ancora più eclatante il risultato della SaS –Libertà e Solidarietà- che risultava „fuori“ dal palazzo e che invece viene adesso data ad una estremamente lusinghiera quota dell’11,5 percento. Un deciso ridimensionamento per i Cristiano Democratici con 8,6 –appaiati allo SnS. L’altro partito attualmente al Governo, lo LS-HZDS, appare invece decisamente in ribasso con un 5,4 percento; mentre ancora più in pericolo si trovano i due partiti „pro-Ungheria“: dentro ma con un molto poco rassicurante 5,1 cadauno.

(Fonte Tasr)

Economia

Per Vazny nessun ritardo sul timing attuativo dei PPP

Al termine del consueto Consiglio dei Ministri del Mercoledi il Ministro dei Trasporti, Lubomir Vazny (Smer-Sd) ha tenuto a precisare che il suo dicastero non teme alcun ritardo nella tempistica di presentazione delle offerte per alcuni segmenti della autostrada D1, che verranno finanziati con i PPP –Progetti Pubblico Privati-. Secondo lo stesso Ministro sono attualmente in corso negoziati molto intensi tra gli istituti bancari aderenti al consorzio co-finanziatore delle future opere e la BEI –Banca Europea per gli Investimenti-. Infine, Vazny ha teso ad evidenziare l’autorevolezza dell’intervento del Premier Fico, grazie al quale alcune banche, rese scettiche da quanto dichiarato dall’opposizione, hanno poi confermato la loro adesione al consorzio, dopo aver verificato la convenienza finanziaria dello stesso PPP.

(Fonte Tasr)

Cronaca interna

La Slovacchia nella media UE quanto a consumi di alcool

Dall’ultimo sondaggio condotto dall’Istituto Europeo Eurobarometer su di un campione di 27.000 intervistati all’interno dei Paesi Comunitari –dei quali 1.006 Slovacchi- si è evidenziato „nella media“ l’atteggiamento degli stessi nei confronti dell’alcool. Il sondaggio, condotto nello scorso mese di Ottobre 2009 ma solo ieri elaborato e consegnato ai media, evidenzia infatti una percentuale di astemi –definiti come persone che non hanno fatto uso di bevande alcoliche negli ultimi 12 mesi- pari al 22 percento degli intervistati, poco al di sotto della media Ue del 24. In questa classifica capeggiano i Portoghesi –con un 42 percento- mentre all’estremo opposto figurano i Danesi con un 7 percento. Per quanto attiene invece alla „frequenza“ del consumo solo un 4 percento degli Slovacchi ha dichiarato di bere quotidianamente, contro un –nuovamente- primo posto dei Portoghesi con un 43 percento. Gli Slovacchi sono infine risultati primi in un’altra risposta, dichiarandosi disposti a diminuire la quantità di alcool nel caso i prezzi delle bevande alcoliche aumentino del 25 percento.

(Fonte Tasr)

Istituzioni

Ftacnik futuro Sindaco di Bratislava?

Il Sindaco di Petrzalka, Milan Ftacnik, uomo politico di sinistra, già ministro dell’Educazione tra il 1998 ed il 2001, ha annunciato ieri di volere concorrere per la carica di Sindaco di Bratislava. La carica è stata detenuta, negli ultimi due mandati, dal Cristiano Democratico –KDH- Andrej Durkovsky, il quale è in lizza per un posto al parlamento e quindi, in caso di elezione, abbandonerà probabilmente l’incarico di Sindaco. Non perchè a lui impedito dalla attuale legge, ma in quanto tale doppia carica è fortemente avversata dal proprio partito. Durkovsky non ha comunque, voluto rilasciare alcun commento a tal proposito, dicendo solo che non ha ancora deciso come comportarsi in caso di elezione. Secondo quanto dichiarato alla stampa da Ftacnik: „quello di cui  Bratislava ha necessità, invece, è di un radicale cambiamento“. „Non sono soddisfatto del modo con il quale è gestita la città. Per otto anni le decisioni sono state prese a porte chiuse, alle spalle dei cittadini“. Ftacnik è anche Consigliere Comunale e membro del Consiglio Regionale.

(Fonte Tasr)

Lajcak appoggia l’abolizione dei visti per l‘Albania

Il Ministro degli Esteri Slovacco Miroslav Lajcak ha incontrato ieri a Bratislava il collega Albanese Illir Meta. Durante i colloqui è stata trattata la prevista apertura, nell’autunno di quest anno, dell’ambasciata Albanese in Slovacchia ed anche l’ampliamento  agli Albanesi dell’esenzione dal visto per l’area Schengen. Lajcak ha ricordato come in tempi non lontani anche la Slovacchia ha tratto grande beneficio da questa semplificazione normativa, e come tale passo sia indispensabile nel percorso di avvicinamento e di integrazione dell’Albania alla Ue. Da parte Slovacca, quindi, incondizionato appoggio per favorire tale apertura e per vedere riconosciute le legittime aspirazioni Europeistiche dell’Albania.

(Fonte Tasr)

Speciale vulcano

Ancora bloccati in India ed in Kenya alcuni Slovacchi

Alcune decine di malcapitati turisti ed uomini d’affari Slovacchi sono bloccati in India ed in Kenya, nonostante la riapertura dei cieli in Europa. Circa 40 i viaggiatori fermi a Nuova Deli –India- mentre altre decine stanno ancora aspettando la possibilità di fare ritorno in patria dal Kenya e dalla Tailandia. Sono soprattutto vittime delle lungaggini burocratiche i turisti che si dovevano imbarcare a Nairobi, in un Paese dove spesso è estremamente difficile anche compiere facili operazioni. Tra gli aiuti che l’ambasciata Slovacca in Kenya sta fornendo anche l’estensione dei visti e per taluni l’anticipo di somme di contante per coprire le impreviste necessità. Comunque, secondo Peter Stano, portavoce del Ministero, non risultano esserci casi di reale e grave necessità. Invitiamo comunque i Lettori a raccontarci quanto a loro accaduto in eventualità di questo genere, sia in positivo che in negativo.

(Fonte Tasr)

185 voli cancellati a Bratislava

Questo il conteggio elaborato da Dana Madunicka, portavoce dell’aeroporto di Bratislava, a seguito del blocco degli spazi aerei decretato dall’emergenza „vulcano“ in Islanda. In totale, oltre 33.000 viaggiatori hanno subito i disagi delle cancellazioni dei voli, ed altrettanto significativa sembra essere anche la perdita subita dall’aeroporto stesso, che ha lamentato i mancati introiti legati ai diritti di stazionamento ed agli altri oneri legati ai viaggi aerei.  In pochi, però, tendono a sottolineare quanto hanno invece patito –economicamente e non solo- gli incolpevoli viaggiatori. Riprotetti si, dalle rispettive compagnie aeree ma nella impossibilità di avanzare, probabilmente, alcuna richiesta di indennizzo per quanto pagato in termini di pernottamenti e vitto. La crisi del „vulcano“, guarda caso, non rientra tra le voci presenti nelle coperture assicurative e quindi le compagnie cercano e cercheranno di fare di tutto per non corrispondere alcun risarcimento. Ma non sembra, a parere di alcuni avvocati da noi interpellati, senza ipotesi di successo una azione comprovata dall’effettiva prova di ricevute di soggiorno e di biglietti, soprattutto se la compagnia non ha provveduto ad avvertire tempestivamente e per iscritto i viaggiatori della cancellazione del loro volo.

(Ettore Bellucci)

RyanAir ha ripreso oggi  l’attività aerea

Dalle cinque di questa mattina il vettore low-cost Irlandese ha ripreso la quasi normale attività dei propri voli, ad eccezione delle tratte tra Inghilterra ed Irlanda, che verranno ripristinate da domani mattina, al fine di consentire un maggior numero di voli verso e dalla Gran Bretagna, ed andare così maggiormente incontro ai lunghi disagi patiti dai tanti viaggiatori bloccati da 6 giorni in molti aeroporti del continente. E‘ stato lo stesso Ceo della compagnia ha motivare tale decisione, sottolineando che i viaggiatori che vogliono volare tra l’Irlanda e la Gran Bretagna possono con limitato disagio utilizzare i ferry boats mentre va garantita, in questo momento, la massima priorità ai collegamenti internazionali verso e dal continente. Probabilmente, tuttavia, non mancheranno isolati disagi, ritardi e cancellazioni e si attendono tre giorni da „bollino rosso“ sui cieli d’Europa e non solo, e giornate di lunghe code agli imbarchi.
(Fonte Tasr, Fonte RyanAir, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google