Riforma P.A. più lenta del previsto, i ministeri contrari a soppressione propri enti

La riforma della pubblica amministrazione ESO voluta dal Ministro degli Interni Robert Kalinak non ha fatto i progressi che ci si attendeva, anche per l’opposizione di alcuni altri ministeri e delle istituzioni che ne sono toccati. Il quotidiano Sme ha scritto che in particolare nei piani di Kalinak c’è la chiusura del Centro per il Lavoro, gli Affari sociali e la Famiglia, un’organizzazione nella competenza dell’omonimo ministero, che oggi impiega 350 persone e ha un costo annuo di 117 milioni di euro. Il ministero, naturalmente, si oppone, e dice che la discussione su questo tema non è neppure iniziata. Così succede in altri ministeri, e il progetto di risparmiare con la riforma 414 milioni di euro soltanto nel 2014 è già stato ridimensionato a 333 milioni.

Kalinak appare tuttavia ottimista, ha scritto Sme, ed è convinto che nel 2016 i risparmi saranno anche maggiori dei 700 milioni previsti. Il suo ministero, ha detto Kalinak al giornale, ha elaborato un’analisi completa sull’attività di oltre 400 istituzioni e organizzazioni del Paese, e il piano sta andando nella direzione giusta, anche se non molti dei suoi colleghi si sono mostrati entusiasti. A parte il suo stesso ministero, Kalinak propone l’abolizione di 14 organizzazioni e la trasformazione di altre 86 tramite una fusione o un incorporamento con altre organizzazioni.

(Red)

Foto: il Ministro Kalinak  (mod-gov-sk)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.