I pluri-record di una slovacca collezionista

Collezionare per sedici anni di fila tovaglioli decorati in carta. E riempirne la casa. Questa la vita ‘ordinaria’ di una slovacca di Ruska, un villaggetto non lontano da Michalovce (seicento anime nell’estremo est del Paese, a un chilometro dal confine ucraino). Con pazienza e cocciutaggine, la 39enne Antonia Kozáková ha già conquistato per diverse volte (almeno sei) il Guinness dei primati nella sua specifica ‘categoria’, un record che non sembra avere concorrenti pericolosi, ma che lei stessa continua a superare di anno in anno. E oggi la sua collezione è di assoluto livello mondiale.

La prima iscrizione nel libro dei Guinness è arrivata nel 2006, e allora i pezzi raccolti erano 20 mila. Un po’ alla volta, con nuove ricerche e acquisizioni, i pezzi sono diventati, udite udite: 62.757. Tutti ammassati in ordinate pile nel suo ‘ufficio’. E probabilmente, come ogni maniaco collezionista, conosce tutti i decori ad uno ad uno, e sa pure dove trovarli in un batter d’occhio quando servono.

Ora, alla signora si sono interessati anche i media inglesi, che le hanno dedicato articoli e servizi fotografici. Il Daily Mail ha scritto sul suo sito che quella collezione unica potrebbe avere sul mercato un valore di ben 300 mila sterline (354 mila e rotti euro!).

Foto di Robert Nemeti www.robertnemeti.com
(link da sua pagina Facebook)

Tra i pezzi più interessanti della collezione, tutti originali naturalmente, c’è il tovagliolo più vecchio risalente al 1940, o diverse salviette stampate con celebrità e soggetti inusuali. Il tovagliolo più grande misura 117 centimetri il lato lungo, e il più piccolo 8×8. La signora Tonka si sfoglia i suoi piccoli ‘bambini’ circa una volta al mese, un po’ per dar loro aria, e un po’ per rivederli e ricordarli meglio. Per rinnovare la raccolta, fa scambi su internet, e gli acquisti li fa in negozi specializzati per collezionisti, anche online naturalmente.

La sfida per Antonia Kozáková è di arrivare ora a 100 mila pezzi. Il suo sogno? Un tovagliolo con il suo viso e il suo nome. Un sogno decisamente modesto per una come lei.

(PS)

Foto: in alto (Facebook) Melinda Kusnyr, sotto (Facebbok) Robert Nemeti www.robertnemeti.com

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.