The world’s most beloved tenor – Bocelli a Bratislava

Impossibile non essersi accorti che a Bratislava arriva Andrea Bocelli, già da tempo infatti billboard presenti, un po’ ovunque, ci ricordano il concerto di questo tenore che è sicuramente – se non il più amato – uno dei preferiti dal grande pubblico mondiale.

Questo mito vivente del Bel canto si esibisce, per la prima volta nella capitale slovacca, il 29 dicembre alla Slovnaft Arena, e l’attesa è quella delle grandi occasioni.

L’Italia è universalmente considerata la patria dell’Opera, e tenori e soprani della penisola sono stati e sono tuttora osannati ovunque. Non fa eccezione Andrea Bocelli, la cui vocalità è capace di spaziare, in maniera magistrale, tra il classico e il pop. Nell’ultimo tour, infatti, rivisita, in modo eccellente, alcuni classici della musica italiana ed internazionale tratti – in gran parte – dall’ultimo disco “Passione“.

Bocelli anche nell’imminente concerto bratislavese trasporterà il temperamento del repertorio ispanico e di quello italiano, privilegiando brani dove si mette in gioco, rispetto al solito, evitando le evoluzioni canore tipiche dell’opera e giocando sul terreno del pop più puro e elegante, con canzoni come  “Quizas quizas quizas“ (resa famosa dal leggendario Nat King Cole) o uno standard del jazz come “Corcovado“ di Tom Jobin.

Ci saranno anche “Perfidia“, “Tristeza” e “Garota de Ipanema” fino ad arrivare ai classici della musica napoletana come “Malafemmena” e “Anema e core“, passando per la musica popolare di “Roma nun fa la stupida stasera” o la stupenda “Love in Portofino“ cantata alla fine degli anni 50’ da Fred Buscaglione, poco prima della sua tragica fine.

Alla Slovnaft Arena il grande tenore sarà affiancato dai 70 musicisti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Ceca, e da 60 membri del Coro, il tutto diretto da Marcello Rota. Ospiti speciali della serata saranno la soprano Adriana Kučerová ed il Coro dei ragazzi di Bratislava. L’evento si svolge con il Patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Bratislava e la partnership dell’Istituto Italiano di Cultura.

La magia di Bocelli e delle sue esibizioni è quella di misurarsi con la musica popolare senza perdere e sfigurare nel confronto, ma anzi uscendone promosso a pieni voti. Siamo sicuri che chi assisterà a questo eccezionale evento di fine anno non potrà evitare, nei giorni seguenti, il desiderio di ascoltare più volte i brani resi ancora più leggendari dal Most beloved tenor.

(Marco Gerbi, IIC Bratislava)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.