Ministro Agricoltura sulla graticola per presunto nepotismo

Il ministro dell’Agricoltura Lubomir Jahnatek (Smer-SD) è accusato dal quotidiano Sme di aver assunto in posizioni chiave del suo dicastero un numero sospettosamente elevato di parenti e di persone provenienti dal suo villaggio natale. Il giornale ha pubblicato un dettagliato articolo a metà settembre, dove si citava il fatto che due figli di sua sorella sono stati assunti in posizioni dirigenziali al ministero insieme a un certo numero di altre persone del comune di Komjatice, nel distretto di Nove Zamky, che ha una popolazione di appena 4.000 anime. Sme cita tra gli altri il responsabile dell’ufficio fondi europei, che è anche membro del consiglio del Fondo Terriero (catastale) slovacco, e il capo della sezione di controllo e verifica governativi, entrambi nativi di Komjatice, che erano già al Ministero dell’Economia quando era guidato da Jahnatek (2006-2010), i cui nomi apparivano su un elenco sul sito del ministero, una pagina oscurata quando la cosa è divenuta pubblica. Di altre persone il ministero ha informato che si trattava in realtà di contratti a termine di poche settimane, già conclusi, e semplicemente il loro nome era rimasto sul sito erroneamente.

Il ministro, dal canto suo, ha detto che non vive in quel paese dal 1978, e di ritenere il servizio di Sme una campagna volta a screditarlo, i cui mandanti, ha detto, sono probabilmente le catene di vendita al dettaglio colpite dalla lotta del ministero contro il cibo di bassa qualità. Richiesto di specificare a quali catene di distribuzione si riferiva, Janhatek ha risposto che “loro lo sanno”. Secondo lui, il Primo ministro Fico conosce la verità e lo sostiene.

(Red)

Nella foto: Lubomir Jahnatek, dal sito del Min.Agricoltura (mpsr.sk)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.