I religiosi a Bruxelles: troppo grandi le disuguaglianze nell’Ue, combattere la povertà non i poveri

Si è svolto nel weekend a Bruxelles l’annuale vertice delle istituzioni europee con i leader religiosi sul tema dell’Anno Europeo 2010 dedicato alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale; all’incontro, presieduto dal presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso, hanno partecipato i presidenti del Consiglio Europeo Herman van Rompuy e dell’Europarlamento Jerzy Buzek. E una ventina di responsabili cristiani, ebraici e musulmani ed esponenti delle comunità sikh e dell’induismo di 14 stati membri dell’UE. Da parte cattolica erano presenti i presidenti del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa card. Peter Erdo, della Commissione degli Episcopati della Comunità Europea mons. Adrianus van Luyn, il capo dell’Episcopato slovacco mons. Stanislav Zvolensky (Arcivescovo di Bratislava) e Flaminia Giovanelli, sotto-segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace.

Nella sua relazione la Giovannelli ha puntato l’attenzione su un mondo «in cui vivono fianco a fianco ricchi e miserabili, persone che non hanno nulla, che sono prive anche dell’essenziale, e persone che gettano via senza ritegno ciò di cui altri hanno un bisogno disperato»; si tratta di «una disuguaglianza troppo grande e purtroppo in crescita». I dati forniti non lasciano spazio all’interpretazione: 85 milioni di persone nell’UE (il 17%) vivono sotto la soglia di povertà; nel contesto di una crisi economica e finanziaria che si sta rivelando come una «crisi strutturale, una crisi di valori e una crisi di fiducia», visto anche il calo della popolazione, i disoccupati sono in preoccupante aumento. La mancanza di lavoro, ha detto la Giovanelli, è «causa primaria di esclusione sociale … ha raggiunto proporzioni intollerabili, non solo per il numero di disoccupati che continuano a crescere» ma anche per il numero di «lavoratori poveri», 15 milioni (l’8% dei lavoratori nell’UE) che non riescono ad assicurare «una vita dignitosa a se stessi e alle loro famiglie». È cresciuta, inoltre – ha rilevato ancora la Giovannelli – la povertà relativa tra la gente: cinque anni fa il 20% dei cittadini più ricchi aveva un reddito cinque volte superiore al restante 80% della popolazione, e la disuguaglianza all’interno e tra i paesi non accenna ad arrestarsi. Il fenomeno, poi, colpisce in modo particolare bambini, disabili, anziani e quanti nascono in famiglie povere e non sono in grado di spezzare il ciclo della miseria.

Il cardinale Peter Erdo, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, ha affermato che occorre «combattere la povertà, non i poveri». «La lotta alla povertà – gli ha fatto eco mons. Adrianus van Luyn, della Commissione degli Episcopati della Comunità Europea – se adopera soltanto mezzi tecnici o misure amministrative, probabilmente fallirà i suoi obiettivi»: è invece necessario far passare i poveri da «oggetto d’assistenza» a «soggetti di questa lotta comune della società contro l’indigenza e l’esclusione sociale». Il presule ha spiegato il senso profondo della solidarietà che parte dal considerare poveri e ricchi su un piano di parità. «La solidarietà non esclude nessuno» ha poi aggiunto, invitando a guardare al di là delle frontiere dell’UE, in particolare verso l’Africa, un continente «colonizzato e saccheggiato dall’Europa lungo i secoli» e oggi «gravemente minacciato dai governi corrotti, dalle guerre, dalle siccità e dal virus dell’Aids». Davanti al dramma di tanti immigrati che cercano una vita migliore nel vecchio continente – e che spesso trovano la morte cercando di attraversare il Mediterraneo o l’Atlantico – mons. van Luyn ha quindi affermato: «Noi non possiamo reagire a ciò rafforzando la ‘Fortezza Europa’, né aprendo totalmente le frontiere. La nostra solidarietà deve orientarci verso un cambiamento delle condizioni di vita nei loro Paesi d’origine». «Con tutto il rispetto per l’autonomia dell’individuo, spesso assoluta oggi» – ha concluso il presidente della Comece – è necessario ricordare che «l’autonomia è sempre controbilanciata dalla coscienza di una dipendenza reciproca» il cui fondamento è l’amore di Dio per tutti gli uomini. Da parte loro, Barroso, Buzek e van Rompuy hanno riconosciuto l’importante ruolo sociale svolto dalle Chiese e comunità religiose nella lotta alla povertà, ribadendo la necessità della collaborazione tra queste e le istituzioni europee.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google