Voglia di un’Italia pulita, oltre la crisi e parole al vento

Voglia di un’Italia pulita, oltre i fiumi di parole, le valanghe di promesse, le trovate sensazionali, oltre la crisi che brucia le speranze.
Voglia di un’Italia pulita, che sappia guardare negli occhi delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, che sappia leggere incertezze, preoccupazioni, timori che i sogni restino chiusi per sempre in un cassetto.
Voglia di un’Italia pulita, in cui contino correttezza, merito e solidarietà e si capiscano trepidazioni e attese per un comune destino.
Voglia di un’Italia pulita, di persone che sappiano mettersi in gioco per contribuire … alla crescita della comunità.

Voglia di un’Italia politica con donne e uomini animati da una forte passione coltivata negli anni, capaci e responsabili, sobri e pronti a farsi da parte dopo aver dato il loro contributo nelle istituzioni.
Voglia di un’Italia politica che guardi lontano e non racconti favole, con protagonisti capaci di dire parole anche dure, nella verità e per il bene comune.
Voglia di un’Italia politica senza urli e sgambetti, che non peschi nel torbido per infangare gli avversari, che non costruisca il successo degli uni sulle macerie degli altri.
Voglia di un’Italia politica in cui si chieda il conto delle promesse non mantenute, in cui si guardi realisticamente alla realtà senza nascondere le difficoltà sotto sogni irrealizzabili.
Voglia di un’Italia politica in cui gli eletti siano amati perché sacrificano tempo e vita per la comunità, di cui sono capaci di cogliere voci e inquietudini.
Voglia di un’Italia politica che si ritrovi unita nei valori essenziali, che riconosca le scelte giuste degli avversari, che sia di orgoglio anche per chi vive all’estero e gira per il mondo.

Voglia di un’Italia che onori la patria, la terra dei padri, che si emozioni di fronte al tricolore che sventola, che canti l’Inno di Mameli, che creda anche nei simboli e sia convinta che l’unità e il bene comune debbano essere più forti dei legittimi interessi di parte.
Voglia di un’Italia che sappia riconoscere la fatica, i sacrifici, l’impegno per gli altri, la passione civile, da qualunque parte vengano, da destra o da sinistra, da operai o da imprenditori, da cattolici o da laici, da italiani di antica discendenza o dai colori del mondo che hanno esili radici nel nostro paese.
Voglia di un’Italia che non dimentichi i viaggi all’incontrario di anni non lontani quando i disperati eravamo noi, che non seppellisca nel benessere di oggi il ricordo dei padri e dei nonni che con le valige di cartone partivano alla ricerca di un destino migliore.
Voglia di un’Italia che rispetti le istituzioni e si impegni per migliorarle, che esca dalla palude dei complotti veri o presunti, che creda nella legalità, che si batta per i diritti di tutti ma anche per i doveri di ciascuno, a cominciare da quello di pagare tutti tasse eque.
Voglia di un’Italia che riconosca gli operatori dell’informazione dalla schiena dritta, capaci di mettersi in gioco senza correre per salire sul carro dei vincitori o dei potenti di turno, che parlino degli sperperi della politica ma anche del fiume di denaro pubblico che finisce ai giornali, che sappiano scorgere e raccontare il nuovo che emerge e non solo seguire l’ondata prevalente di gossip, audience e luoghi comuni.
Voglia di un’Italia che apra le strade al nuovo e al progresso, senza rinnegare il passato che ha messo le basi per il futuro.

Voglia di un’Italia della memoria, che conosca e non dimentichi i sacrifici di chi l’ha costruita, fiera della propria identità ma aperta a capire storie e identità degli altri.
Voglia di un’Italia della bellezza, che sia gelosa delle meraviglie della sua cultura e dei suoi paesaggi, che tuteli rigorosamente e valorizzi il tesoro inestimabile di ambiente, arte e storia, che investa sulle enormi potenzialità del turismo.
Voglia di un’Italia della solidarietà, in cui si guardi avanti per migliorare la propria esistenza senza dimenticarsi di voltarsi indietro per capire e dare una mano a chi non ce la fa.
Voglia di un’Italia della nostalgia, di quando il benessere non ci pioveva addosso, ma doveva essere costruito ora per ora, sovente a denti stretti.

Voglia di voci lievi, che raccontino la vita per migliorarla, capaci di dare ai nostri ragazzi parole di speranza e testimonianze concrete di impegno per le cose in cui credono.

Abbiamo semplicemente voglia di un paese pulito, che col lavoro e con i sacrifici costruisca giorno dopo giorno un’Italia e un mondo migliori.

(Felice d’Adamo, direttore di Italiaitaly.eu)

foto MarcoRuggieri@flickr

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google