Dorota Sadovská in mostra a Roma con Giallo, Blu, Rosso

È a disposizione del pubblico da oggi presso l’Ambasciata slovacca a Roma la mostra dell’artista slovacca di fama internazionale Dorota Sadovská che ha creato una collezione speciale intitolata Giallo, Blu, Rosso. La raffigurazione del corpo costituisce il fulcro del programma di Dorota Sadovská (1973), che da tempo si  muove  sul confine tra pittura classica e fotografia. In questa mostra sono presenti opere di tre cicli pittorici ai quali si è dedicata negli ultimi anni: Sazio dalle tue immagini, Santi e Angeli. La base compositiva dei suoi quadri è la  figura umana denudata e rappresentata in una brusca prospettiva di distacco oppure in un’azione di movimento non tradizionale e in una sintesi, al contempo. L’artista lavora con il simbolismo dei colori e l’iconografia cristiana. Le figure che lievitano nello spazio, nelle rappresentazioni dei santi o di creature angeliche, spesso ricordano gli amici e conoscenti dell’artista, che lei cattura come “figuranti” in uno scatto fotografico in diverse posizioni: proprio la trasposizione dell’immagine vista attraverso la macchina fotografica in mezzi puramente pittorici, tramite una pittura iper­realistica, conferisce ai suoi quadri una dimensione stranamente inquietante arricchita da un aspetto ironico e da un’ambivalenza semiotica. Sono a confronto l’umano e il corporeo, il secolare e il simbolico, il concreto e l’irreale o l’ideale, il tangibile e l’inafferrabile, per raccontare o per avvicinarsi all’eterno quesito sul rapporto tra il corpo e l’anima. La Sadovská ha ottenuto recentemente (2013) grande consenso internazionale con l’opera macro dimensionale Interrelazione, utilizzata a copertura dell’edificio Ringturm a Vienna.

Dorota Sadovská è nata nel 1973 a Bratislava, dove vive e lavora. È uno dei maggiori protagonisti della scena artistica contemporanea slovacca. Ha studiato pittura all’Accademia delle Belle Arti di Bratislava (VSVU) e all’Ecole Nationale des Beaux Arts di Digione in Francia. Oltre alla pittura, utilizza altri media come fotografia e video installazioni. Il corpo umano è l’obiettivo principe delle sue creazioni artistiche, che non descrive come una tradizionale figura nuda ma come immagine spirituale. La sua opera è stata presentata in numerose mostre personali e collettive in Slovacchia, Repubblica Ceca, Austria, Italia, Francia e Stati Uniti.

Dove: Ambasciata Repubblica Slovacca, Via dei Colli della Farnesina 144, Roma.
Organizzata da: Istituto Slovacco in collaborazione con Ambasciata Slovacca
Quando: fino al 19/10/2013, aperta solo nei giorni feriali
A cura di: PhDr. Katarína Bajcurová, PhD.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.