Parlamento: dibattito sulla sfiducia a Fico concluso, voto fallito (come previsto)

Il dibattito parlamentare di ieri sulla proposta dell’opposizione di indire un voto di sfiducia sul governo del Primo ministro Robert Fico in relazione al caso SPP si è concluso dopo quasi 23 ore, e il voto è stato rinviato a oggi pomeriggio alle 13:45, una decisione concordata in un gremium parlamentare alla presenza di rappresentanti di tutti i gruppi. Al momento della votazione era presente anche il Premier Fico insieme ai suoi ministri, che hanno scelto di non prendere parte al dibattito precedente.

Sono stati solo 59 i deputati (tutti i membri dell’opposizione presenti in aula tranne uno) che hanno votato la mozione di sfiducia a Robert Fico, mentre gli 82 deputati Smer hanno votato compatti contro la mozione, lasciando così cadere nel vuoto il tentativo dell’opposizione.

La sessione straordinaria dell’aula iniziata martedì 17 settembre, avviata dall’ex Ministro degli Interni Daniel Lipsic (indipendente, capo del nuovo partito NOVA) e altri membri dell’opposizione di centro-destra, è stata richiesta in seguito alla presentazione del piano del governo di acquisire il 49% delle azioni della società madre delll’utility del gas SPP, portando così lo Stato a detenere il 100% dell’azienda – di fatto, una rinazionalizzazinoe. L’operazione è ritenuta svantaggiosa per le casse dello Stato e i contribuenti, e va invece a favore dei gruppi finanziari privati, come il gruppo J&T la cui “firma” è stata trovata nelle proprietà elettroniche del documento di bozza del contratto di compravendita. Dal canto suo, il Premier Fico sostiene che l’accordo è un mezzo per garantire al governo il controllo dei prezzi del gas, e mettere al sicuro le famiglie slovacche da futuri aumenti.

Ieri Fico non era presente, dopo aver lasciato l’aula la notte precedente alla fine del suo discorso di 45 minuti insieme ai parlamentari del partito Smer. Nella seconda seduta del dibattito Smer ha partecipato in maniera svogliata e con il minimo di deputati presenti. La notte precedente c’era stato un parapiglia tra i parlamentari Smer, alcuni presumibilmente piuttosto alticci, e un deputato del partito OLaNO che ha subito qualche lieve contusione medicata al centro sanitario presente nell’edificio. I media ieri sono andati a nozze sulla presunta ubriachezza dei deputati Smer, e in particolare le televisioni hanno mandato in onda diversi video che mostrano alcuni socialdemocratici nella notte fatale che si muovono nei corridoi parlamentari con precario equilibrio, provocati del resto da reporter che chiedevano loro quanto avevano bevuto. E la mattina dopo, diversi cameraman hanno filmato nell’area del Parlamento bidoni della spazzatura pieni zeppi di bottiglie vuote (e non si trattava di bottiglie d’acqua né di gazzosa).

Era del tutto nel regno dell’improbabile l’eventuale successo del voto di sfiducia al governo, considerando che il Premier Fico può contare sulla solida maggioranza del suo partito Smer di 83 seggi su 150. Solo chi avesse una grande immaginazione (e si diletta di fantapolitica) poteva pensare che all’interno del comunque variegato panorama del gruppo socialdemocratico ci sarebbero stati almeno una decina di franchi tiratori. Nonostante almeno due correnti regionali molto forti, e altre più piccole che si spostano a seconda dell’aria che tira, i parlamentari di Smer hanno comunque sempre dimostrato una forte unità negli appuntamenti parlamentari.

(Red)

Foto: vlada.gov.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google