A Bratislava il mare e la pittura lenta di Roberto Cardone

(Roberto Cardone, Barche – cliccare per ingrandire)

Il mare, i pescatori, il lavoro quotidiano nella sua immutabilità, le sue attese, gli odori, la fatica. E poi l’infinito della superficie acquea, e l’incrocio con il cielo. Atmosfere rarefatte, lontane anni luce dalla corsa del mondo contemporaneo. Le tele “tra cielo e mare” di Roberto Cardone in mostra da domani a Bratislava mettono in maniera innegabile l’uomo al centro dell’universo. L’uomo e il suo lavoro, fonte di sostentamento, certo, ma anche ragione ultima della sua dignità. Un lavoro, in questo caso, monocorde, fatto di piccoli e misurati gesti sempre uguali e ripetuti all’infinito, ma che esprime un anelito di vita al di là della consuetudine.

La pittura di Cardone è precisa, fatta di innumerevoli veli di colore, pennellate leggere che a poco a poco rivelano il soggetto come se lo stesso uscisse volontariamente dalla trasparenza, dall’azzurro dello sfondo, dai blu del cielo e del mare. E così nascono i suoi frammenti di esistenze, brevi momenti della vita di mare, con uomini soli o in gruppo chini a rammendare le reti, o in procinto di salpare in cerca di una pesca fortunata; oppure al rientro, intenti alle operazioni di sbarco o a riempire le casse di pesce per il mercato. Istanti carpiti dalle vite di quegli uomini, e da quei luoghi sognanti, immersi nell’azzurro che domina le grandi tele dove l’unico elemento che aiuta a distinguere l’orizzonte sono spesso le nuvole, sospese in cieli che appaiono grevi, madidi.

Il fattore umano, con questi non-ritratti dove i volti sono a malapena accennati, pur centrale nell’opera di Cardone, è come un elemento di rappresentazione teatrale. Questi individui senza volto sono raffigurazioni di ricordi, di sensazioni, ma soprattutto simboleggiano l’archetipo del rapporto uomo-mare, una relazione vitale e simultaneamente piena di rischi, una poetica senza tempo. Le vedute sono prese da terra, e mostrano il mare sempre calmo, un proscenio sul quale si svolgono scene lente, pacate. Scorci lagunari di Grado, sulla omonima laguna tra Venezia e Trieste, località a cui Cardone sembra essere molto legato dalle origini materne. Il silenzio sembra regnare incontrastato, i gesti sono lenti, le voci esili, la luce diffusa e senza ombre, pochi i riflessi, rari i colori. Sprazzi inaspettati di giallo, di arancio, di rosso, danno tono ai quadri immersi nel blu e in qualche modulazione di grigio, più chiaro, più scuro.

Quanto lontani siamo dalla modernità, dal progresso, eppure quanto questi soggetti sono attuali, perpetui.

 

(Roberto Cardone, Dopo la pesca – cliccare per ingrandire)

Roberto Cardone è nato a Udine (Italia) nel 1938 e vive non distante dalla stessa città. Il mare ha sempre avuto grande importanza nella storia della sua famiglia e ne ha determinato il suo profondo attaccamento. Dall’adolescenza mostra amore per il disegno e la pittura con la frequentazione dello studio di un vecchio pittore, passione che ha coltivato tutta la vita per diletto personale. Ha partecipato a diverse mostre collettive a Londra, Roma, Modra (Slovacchia, 2004), Bruges, Monreale (Palermo) e personali a Londra, Roma, Vicenza, Udine (antologica), New York, Firenze, Venezia, Barletta, Milano, Trieste. Ha vinto il Premio Internazionale Cremona 2000 nella sezione “Nuova Figurazione“ (2005), il Premio Firenze per l’opera “Nuova Fortuna“ (2008), la Targa d’onore al Trofeo Città di New York (2010), il Trofeo Guglielmo II della Città di Monreale per l’opera “Contrasti“ (2010), la Targa d’onore del Premio Internazionale San Pietroburgo per l’Arte (Roma, 2010), la Targa  Trofeo di Bruges per l’opera “Teli e Reti sul molo“ (2010).

La mostra di Roberto Cardone sarà affiancata da un’altra personale del pittore informale Mauro Patarchi. Entrambi gli artisti saranno presenti all’inaugurazione domani 18 settembre.

Roberto Cardone, Mostra personale
Mauro Patarchi, Mostra personale
Galéria Slovenskej výtvarnej únie, Dostojevskeho rad 2, Bratislava
Vernissage: mercoledì 18.09.2013, ore 18:00
Aperta fino: 6.10.2013
Orari: 13:00 – 19:00, chiuso il lunedì
www.svu.sk
A cura di Enrico Ravegnani, Palazzo della Racchetta, Ferrara
Ingresso gratuito

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google