Multa al sindaco di Bratislava per il suo “doppio lavoro” in una società privata

Il Consiglio comunale di Bratislava ha approvato giovedì una sanzione pari a sei mesi di stipendio – in soldoni, 27.010,32 euro – al sindaco di Bratislava Milan Ftacnik per aver occupato per circa 15 mesi un posto (e la carica di vice presidente) nel consiglio di sorveglianza della società di assicurazione privata Komunalna poistovna. Una mansione illegale che il sindaco avrebbe accettato nel marzo 2012, dunque oltre un anno dopo la sua elezione a capo del Comune della capitale, e detenuta fino a quando non è stato scoperto nel giugno scorso. Secondo quanto si legge nella risoluzione consigliare, il sindaco ha violato la legge costituzionale sulla tutela dell’interesse pubblico ricoprendo contemporaneamente una carica pubblica e una privata. Ftacnik ha inoltre anche omesso l’obbligo di indicare l’appartenenza al Consiglio di sorveglianza nella comunicazione scritta delle sue mansioni, attività e situazione finanziaria per il 2012.

Contrito il sindaco, che non ha contestato l’importo dell’ammenda e ha ammesso l’errore, dicendo di non averlo comunque fatto intenzionalmente. Ftacnik, una volta lasciato il suo posto nell’assicurazione, fatto avvenuto il 25 giugno immediatamente dopo la denuncia di un cittadino, ha rimborsato alla società privata il compenso ricevuto nel periodo in questione (pare poco più di 5 mila euro) e ha informato che provvederà a pagare la sanzione del Consiglio entro 15 giorni, come da termine di legge. Ftacnik ha tenuto a precisare che nel periodo di riferimento non è stata in alcun modo favorita Komunalna poistovna, con la quale non è siglato alcun contratto di copertura assicurativa. E i contratti in essere con la società assicuratrice Kooperativa, che la controlla, risalgono tutti a un periodo precedente.

(Red)

Foto: bratislava.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google