Corte regionale di Presov annulla la condanna di Baki Sadiki per traffico di eroina

Il Tribunale regionale di Presov ha annullato la scorsa settimana in una seduta a porte chiuse il verdetto di condanna a 22 anni per traffico di droga dell’albanese Baki Sadiki. Il giudizio ha comunque previsto per l’imputato la custodia in carcere. Sadiki, che da tempo vive in Slovacchia, è uno dei accusati in un caso particolarmente grave di produzione, possesso e commercio di stupefacenti e nel contrabbando di eroina importata dalla Turchia nel 2007-2008 attraverso spedizioni di sandali da spiaggia, scrive il quotidiano Sme. Fu condannato in contumacia nel giugno 2011, prima di essere arrestato in Kosovo nel dicembre 2012, e poi estradato in Slovacchia.

Dopo il rientro in Slovacchia, Sadiki ha sostenuto di non essere stato a conoscenza della sua condanna e ha chiesto che il caso venisse riesaminato, richiesta accolta dal giudice annullando il verdetto originale. La motivazione di annullamento accenna a una procedura non corretta da parte del tribunale distrettuale, ma conferma l’arresto dell’uomo nel timore di una fuga. Il Procuratore speciale Peter Sufliarsky ha contestato la decisione della corte distrettuale, e il caso è rinviato alla Corte regionale di Presov. Sadiki dovrà affrontare un nuovo processo.

Pare, tuttavia, che la decisione di annullamento sia basata sulla richiesta di rifare il processo pervenuta dal Kosovo al momento dell’estradizione, che però secondo il Ministero della Giustizia slovacco non sarebbe inserita tra le clausole dell’accordo con la Slovacchia, scrive oggi Sme.

L’opposizione chiede che l’azione delle autorità giudiziarie di Presov, definita scandalosa, venga trattata presso la Commissione difesa e sicurezza. La richiesta è sostenuta anche da una parte del partito di maggioranza Smer, che ha garantito di tenere la riunione entro la fine della sessione parlamentare in corso.

Il Ministero della Giustizia sta nel frattempo valutando di fare ricorso contro la sentenza di riapertura del caso.

(Fonte Sme, Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.