Governo approva sussidi a cinque imprese industriali. Critiche le associazioni

Nella sua sessione della scorsa settimana, il governo slovacco ha approvato la concessione di aiuti agli investimenti a un certo numero di imprese manifatturiere con sede in Slovacchia. Come da proposta del Ministero dell’Economia, a incassare il via libera del Consiglio dei ministri sono state la statunitense Johnson Controls Innotec Technologies, l’austriaca Miba Sinter Slovakia, la Gevorkyan dell’omonimo proprietario armeno, la Dometic Slovakia di capitale tedesco e la Michatek, pure con soci tedeschi.

La Johnson Controls Innotec Tecnologie riceverà aiuti di Stato per 4,1 milioni di euro nel progetto di investimento (del valore di 8,2 milioni) che punta a espandere il suo sito di Lucenec, nella Slovacchia centrale, dando lavoro a 125 nuovi dipendenti. Composto in gran parte di sgravi fiscali, il pacchetto di aiuti comprende un sussidio per l’acquisto di beni materiali per 240.000 euro.

Alla Miba Sinter Slovakia, parte di un gruppo internazionale austriaco produttore di componenti per l’auto, andranno 3,6 milioni sotto forma di sgravi fiscali a fronte dell’impegno a costruire due impianti per lo sviluppo e la produzione di ruote dentate nello stabilimento di Dolny Kubin (regione di Zilina), un investimento ad 13,6 milioni di euro che dovrebbe offrire 120 posti di lavoro entro la fine del 2014.

La società Gevorkyan di Banska Bystrica, che impiega 79 persone, riceverà un incentivo di 1,5 milioni di euro in sgravi fiscali per l’ampliamento dell’impianto produttivo di metallurgia delle polveri che costerà all’azienda oltre 7,5 milioni di euro entro il 2016 creando 44 nuovi posti di lavoro.

La Dometic Slovakia di Filakovo (regione di Banska Bystrica) intende spendere 5,4 milioni di euro per allargare lo stabilimento di produzione di piani cottura, forni e dispositivi di controllo per impianti di climatizzazione. Al progetto, che prevede la creazione di lavoro per 326 nuovi occupati entro la fine del 2016, il governo ha assegnato un contributo di 340.000 euro e altri 2,664 milioni in forma di sgravi fiscali.

Infine, la società Michatek, con sede al parco industriale di Michalovce (regione di Kosice), riceverà 2.85 milioni di euro per l’espansione della sua produzione, processo che includerà l’assunzione di 80 nuovi lavoratori e verrà a costare 5,7 milioni.

L’atto è stato criticato dall’Associazione degli Imprenditori della Slovacchia (ZPS), il cui presidente Jan Oravec ha accusato il governo di un colpo basso inferto a tutte le altre aziende in Slovacchia che non ricevono alcuna assistenza di Stato. Gli stimoli agli investimenti, ha detto, danneggiano in modo drastico l’ambiente imprenditoriale. L’atteggiamento dei politici che cercano di ottenere l’approvazione degli elettori in Slovacchia con la creazione di nuovi posti di lavoro, ma fatto attraverso un trattamento preferenziale ingiustificato a imprese selezionate, lo fanno a spese di tutte le altre aziende – e dei contribuenti – che sono i soggetti che pagano per tali aiuti, ha aggiunto. Anziché approvare tali misure, il governo dovrebbe invece concentrarsi su come ottenere migliori condizioni per gli imprenditori, ha detto Oravec, al fine di ottenere risultati positivi.

(Red)

Foto: StockMonkeys.com/flickr

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google