Europa: senza una Difesa comune gli stati UE spendono un’enormità

I costi derivanti dalla mancanza di una difesa continentale realmente integrata, ossia i costi della “non-Europa” della difesa, possono essere ricondotti a due categorie di fattori, leggiamo in uno studio pubblicato lo scorso aprile dallo IAI (Istituto Affari Internazionali di Roma) insieme con il Centro Studi sul Federalismo di Torino. La prima è quella dei costi legati alla mancata integrazione delle strutture militari degli Stati europei. Le forze militari europee operano quasi esclusivamente all’interno di contingenti multinazionali, ma continuano ad essere strutturate e gestite su basi nazionali. Perfino i costi delle missioni europee, svolte in comune, sono ripartiti su base quasi esclusivamente nazionale, così come su base nazionale vengono addestrati e organizzati i militari e sviluppati, acquistati e manutenuti gli armamenti. Questo determina una moltiplicazione dei costi per la creazione, il mantenimento e l’operatività delle formazioni militari europee.

Per leggere l’interessante studio, andare a questo link.

Foto: mod.gov.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google