Sme: il terrorista afgano non è sulla lista dei terroristi ricercati

Il quotidiano Sme ha scritto ieri che il nome dell’attentatore che ha ucciso un soldato slovacco e ferito gravemente altri due il 9 luglio presso la base aerea di Kandahar non è sulla lista dei terroristi più ricercati, malgrado la sua fuga dalla prigione con la complicità del carceriere per nascondersi in territorio controllato dai talebani. Per il momento, del resto, la Slovacchia non ha ancora offerto una “taglia” per la cattura di Lambar Chan, membro dell’esercito nazionale afgano, in quello che è il primo caso di una vittima slovacca in una delle missioni internazionali alle quali partecipano le Forze armate del Paese.

Il Primo ministro Robert Fico, che ha annunciato la scorsa settimana l’esistenza di un video che celebrava l’azione di Chan dopo l’attacco di Kandahar, ha detto con convinzione che in futuro i soldati slovacchi dovranno essere pronti ad uccidere in simili situazioni. Il Ministero della Difesa ha informato che dopo che l’inchiesta sarà chiusa verranno prese delle misure in cooperazione con altri organismi per includere l’assassino nella lista dei terroristi ricercati.

Nel frattempo il soldato slovacco gravemente ferito al torace in Afghanistan è stato trasferito dall’ospedale militare statunitense di Landstuhl, in Germania, all’Ospedale militare centrale in Slovacchia. L’altro soldato ancora in Germania, che ha subito pesanti ferite alla testa ed è stato sottoposto a diversi interventi, non può per il momento rientrare in Slovacchia, perché le sue condizioni sono stabili ma i medici americani ne sconsigliano il trasferimento. I due erano stati riportati in Europa con un volo militare statunitense, grazie a un programma di cooperazione offerto dagli Usa ai paesi alleati per i loro feriti in Afghanistan.

(Fonte Sme)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.