Pedaggio stradale europeo: Bruxelles chiede alla Slovacchia ragioni del suo ritardo

La Commissione Europea ha in animo di unificare i pagamenti del pedaggio stradale per tutti i paesi dell’UE, con l’utilizzo di un unico dispositivo satellitare di registrazione, che sarebbe valido per tutti i paesi coinvolti. Allo stesso modo, gli utenti si vedrebbero recapitare una sola fattura riepilogativa per tutti i tratti a pagamento delle strade delle diverse nazioni attraversate. Gli stati membri hanno già iniziato ad adottare misure per attuare questo piano comunitario, ma la Slovacchia sembra essere in ritardo su questo, come risulterebbe da una lettera da Bruxelles alle autorità slovacca.

Ne ha scritto ieri il quotidiano Sme, che cita la società di gestione del sistema di pedaggio elettronico slovacco SkyToll quale potenziale gestore anche del nuovo sistema in Slovacchia, in quanto già possiede un sistema satellitare. L’ufficio del Commissario europeo ai Trasporti ha confermato al giornale il tono della lettera, dicendo che se il governo slovacco non dovesse spiegare con dovizia le ragioni del ritardo, la Commissione potrebbe lanciare un procedimento ufficiale contro il Paese.

Dal Ministero dei Trasporti dicono che ci si sta preparando a una nuova legge sui pedaggi stradali e che il sistema di pedaggio unitario è stato ritardato in tutta la UE.

(Fonte Sme)

Foto transport-sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.