UE: Eurobarometro, 51% cittadini favorevole a moneta unica

Il sondaggio periodico Eurobarometro svolto in primavera mostra che la maggioranza assoluta (51%) degli europei era a favore dell’euro. Una percentuale, tuttavia, in calo di due punti percentuali rispetto all’autunno scorso, che è andata a infoltire il gruppo dei contrari (42%), 2 punti in più nei confronti dell’autunno. C’è una certa differenza fra il sostegno alla moneta unica all’interno dell’Eurozona e nei paesi non euro: nella prima, il sostegno è del 62% (era il 4% in più in autunno), mentre nell’area non euro il sostegno cala al 29% (-1%). Il favore, in quattro dei cinque stati entrati per ultimi (Estonia, Malta, Slovenia e Slovacchia) è al suo punto più alto, o quasi. Qui, percentuali di intervistati tra il 68% e il 77% sono infatti maggiormente soddisfatti dell’euro.

Quanto al sentimento di “cittadino europeo”, altra questione posta dal rilevamento realizzato su un campione di 32mila cittadini nei 28 paesi UE, sono sei su dieci i rispondenti che si sentono ‘europei‘ e vogliono saperne di più sui propri diritti. Meno della metà (46%), al contrario, sanno già quali siano i propri diritti di cittadini comunitari. Quasi sei su dieci individuano nella libera circolazione delle persone, dei beni e dei servizi, il risultato più positivo  dell’integrazione politica europea.

Nonostante la crisi, infine, gli europei che si dichiarano ottimisti sul futuro della UE sono più numerosi dei pessimisti in 19 paesi su 28. Quasi sette europei su dieci (67%, la maggioranza in tutti i 28 stati membri), sono convinti che l’Europa sia ascoltata nel mondo.

(Red)

Foto: tpcom/flickr.com

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google