Cirillo e Metodio: celebrato a Nitra il 1150° anniversario con l’inviato papale card. Rodé

Migliaia di persone hanno partecipato il 5 luglio a Nitra al pellegrinaggio nazionale e alla Festa dei santi Cirillo e Metodio. Quest’anno, in occasione dell’anniversario dei 1150 anni dall’inizio della missione dei santi in Grande Moravia, Svatoplukovo namestie era anche più gremita del solito per la Messa solenne che è stata presieduta dal legato speciale pontificio Cardinale Franc Rodé, arcivescovo di Lubjana, Slovenia. Erano presenti i vescovi della Slovacchia e prelati anche dall’estero, fra i quali i cardinali di Budapest e Sarajevo, insieme, come da tradizione, alle maggiori autorità civili della Repubblica Slovacca.

Il cardinale Rodé ha parlato nell’omelia dei santi Cirillo e Metodio, ricordandoli come coloro che hanno portato in questa terra la scrittura e l’istruzione, la cui santità si è manifestata con un amore sincero per le persone meno istruite rispetto a una società bizantina – dalla quale provenivano – che era ben più elevata e colta.

Dopo la Messa ha avuto la parola anche il Presidente della Repubblica, Ivan Gasparovic, che più tardi ha detto ai media che «questo giorno è basato sui valori che dovremmo ricominciare a conoscere. Ai presenti è stata anche letta una lettera inviata al presidente da Papa Francesco nella quale il pontefice dice di pregare il Signore perché «incoraggi tutti coloro che operano a favore del bene comune» a facilitare la costruzione di una società più fraterna basata sui valori autentici.

Soddisfazione è stata espressa per le celebrazioni dal vescovo di Nitra, mons. Villiam Judak, nel vedere che «abbiamo veramente a cuore i valori che i santi Cirillo e Metodio hanno portato». Lo stesso vescovo Judak, alla vigilia della festa, aveva inaugurato e benedetto una nuova porta di accesso alla cattedrale di S. Emmeram decorata con motivi che rammentano i santi Cirillo e Metodio e aveva ricordato la visita del 1995 a Nitra di Giovanni Paolo II e le sue parole per i santi missionari Apostoli degli Slavi, sottolineando il rapporto della loro eredità spirituale con la città di Nitra.

A margine delle celebrazioni religiose si sono svolte altre iniziative come un concerto dell’Orchestra Filarmonica Slovacca, che ha eseguito per la prima volta un oratorio in onore dei due fratelli missionari di Tessalonica, l’emissione di uno speciale foglietto filatelico e di un annullo da parte delle Poste Slovacche, un seminario dedicato alla missione dei santi Cirillo e Metodio tra gli slavi e l’esibizione di diversi gruppi folkloristici provenienti da diversi paesi del mondo slavo. Il coordinatore principale dell’Anno giubilare per i santi Cirillo e Metodio nella Chiesa cattolica, vescovo Frantisek Rabek, ha sostenuto che le celebrazioni hanno una dimensione internazionale grazie al grande rilievo della vita e delle opere dei due santi per le nazioni d’Europa. Mons. Rabek, che il 30 giugno ha presieduto la scopertura di una lapide dedicata ai due santi nella città di Venezia (tappa chiave della loro missione nel IX secolo), ha dichiarato in un’intervista all’agenzia Sir Europa che «anche oggi la base della vera unità della nazione europea deve essere sostenuta dall’apertura alla verità rivelata da Dio e dal generoso servizio a favore del nostro prossimo».

(La Redazione, Fonte Sir Europa)

Foto: tkkbs.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google