Giudice condannato a cinque anni per tangente da 660 euro

Un giudice slovacco, tale Vlastimil V., è stato condannato dalla Corte penale specializzata presso la Corte distrettuale di Topolcany a cinque anni di carcere per aver accettato una tangente e abusato del potere di pubblico ufficiale. Il giudice è stato anche multato per 2.000 euro e bandito dalla funzione di giudice per altri cinque anni. Il condannato avrebbe, scrive il quotidiano Sme dalla sentenza, ricevuto due tangenti pari a 20.000 corone slovacche (circa 660 euro), nel 2005. Il pubblico ministero ha anche accusato un avvocato, Jaroslav V., e un uomo d’affari, Miroslav S., di avere offerto una bustarella di 331 euro al giudice. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di corruzione di pubblico ufficiale, e hanno ricevuto una condanna a 18 mesi con la condizionale. Un’altra tangente è stata versata al giudice dalla signora Lydia S., che chiedeva per il figlio carcerato il trasferimento in un altro penitenziario.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.