Fico e i rom: senza di loro la disoccupazione sarebbe la metà

Il Premier slovacco Robert Fico ha detto lo scorso giovedì che la numerosa comunità rom nel Paese distorce incredibilmente le statistiche sulla disoccupazione. Sappiamo bene che si tratta di persone per le quali è difficile trovare un posto di lavoro, la cui riqualificazione è problematica e che hanno problemi anche con le normali abitudini di lavoro e disciplina, ha detto. Se non avessimo questo problema, ha sottolineato Fico, la disoccupazione in Slovacchia sarebbe forse all’8 o 9%. La dichiarazione del Premier slovacco ha fatto seguito a un commento del suo collega ceco Petr Necas che con orgoglio asseriva che la Repubblica Ceca ha un tasso di disoccupati della metà rispetto alla Slovacchia, e chi lavora ha uno stipendio in media più alto nonostante una inferiore produttività del lavoro. In Slovacchia il salario medio è di circa 800 euro, mentre nel Paese vicino è di circa 1.000 euro.

(Red)

(foto_romea-cz)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.