Il Presidente chiede modifica all’emendamento sulla segnalazione della residenza

L’emendamento tanto contestato – con ironia – dai cittadini slovacchi per chi passa un lungo soggiorno all’estero non è stato controfirmato dal Presidente Gasparovic, e dunque per ora gli slovacchi e gli stranieri residenti potranno tranquillamente recarsi in un altro Paese per più di tre mesi senza alcun rischio di sanzioni. Il provvedimento era stato approvato dal Parlamento slovacco il 16 maggio scorso, su sollecitazione del Ministero degli Interni, sostenuto dalla maggioranza Smer-SD. Le nuove regole includevano l’obbligo per chi viaggia fuori dei confini nazionali per un periodo di oltre 90 giorni di segnalarlo alle autorità responsabili dando un indirizzo valido di recapito. Chi non l’avesse fatto sarebbe stato passibile di una multa.

In realtà la mancata firma di Gasparovic è solo dovuta alla richiesta di una migliore formulazione dell’obbligo, e propone di escludere dall’emendamento la misura che cambia la dicitura da “riferirà” a “obbligo di riferire”, non concordando con il ragionamento del Ministero degli Interni che la legislazione attuale non prevede già l’obbligo di riferire per i cittadini che stanno lasciando il Paese. La modifica proposta è confusa nella sua modulazione, ritiene il Presidente.

Quanto alle multe, secondo Gasparovic la legge sui reati del 1990 già impone multe a non più di 33 euro, quando qualcuno commette un reato.

(Fonte Sita)

Foto: prezident-sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google