Danubio: situazione in progresso in tutta la Slovacchia con il calo del livello delle acque

L’onda di piena del Danubio ha colpito il sud della Slovacchia durante il fine settimana, e la situazione ha in seguito cominciato gradualmente a stabilizzarsi. I livelli dei fiumi Danubio e Váh stanno diminuendo, ma i soccorritori sono ancora alle prese in alcune aree con perdite nelle barriere di protezione. Migliorano le condizioni delle zone lungo altri tratti del Danubio, anche a Bratislava, pur con il livello dell’acqua che rimane alto. Gli idro-meteorologi hanno annunciato nel frattempo che il livello delle acque potrebbe salire di nuovo questa settimana a causa di forti piogge in corso in Germania.

L’aumento del Danubio non ha causato alcun danno grave nelle città di Komárno e Štúrovo, dove nel fine settimana è arrivato al suo culmine. A Komárno è salito fino a 889 centimetri, e 812 centimetri era il livello a Štúrovo, un afflusso d’acqua che è oltre tre volte il normale. Entrambe le città, dopo il massimo tra il pomeriggio dell’8 giugno e la notte seguente, riportano una continua diminuzione del livello dell’acqua. Anche il livello del fiume Vah vicino a Kolárovo sta gradualmente diminuendo, dopo essere salito nel fine settimana a 739 centimetri.

Nella città di Komárno si sono offerti circa 400 volontari nel week-end per riempire e posizionare sacchi di sabbia, 10.000 dei quali sono stati utilizzati per rafforzare la diga tra Komárno e il villaggio di Kameničná. La regione di Nitra rimane tuttavia in stato di emergenza dal 7 giugno, nonostante il miglioramento.

A Bratislava Il Danubio è già sceso di oltre tre metri rispetto al suo culmine nel pomeriggio di giovedì, quando raggiunse i 1032 centimetri. Il quartiere di Petrzalka ha iniziato a fare i conti con le conseguenze delle inondazioni e ha rimosso le barricate che erano state erette in diversi posti. Alcune zone del vicine alla riva destra del Danubio sono tuttavia questa mattina ancora allagate.

Anche a Devin il livello dell’acqua sta gradualmente decrescendo, e circa 150 volontari hanno contribuito nel fine settimana ad asciugare e pulire l’area. Gli abitanti non possono però ancora bere l’acqua dalle condutture dell’acquedotto pubblico, in quanto contiene cromo, secondo quanto scritto dal quotidiano Sme.

Il Ministro dell’Interno Roberto Kalinak ha detto che le stesse misure messe in atto contro l’alluvione lungo il Danubio saranno realizzate anche su altri fiumi, come il Hron, il Váh, il Poprad, l’Hornád e l’Ondava. In tv il ministro ha promesso che il governo stanzierà fondi per combattere una conseguenza immediata delle inondazioni, favorita dall’aumento delle temperature: la proliferazione delle zanzare.

Anche l’area tra la diga di Gabcikovo e l’antico letto del fiume Danubio, a pochi chilometri a sud-est di Bratislava, è stata inondata ieri. La causa sarebbe l’aumento delle acque sotterranee, a dispetto del calo progressivo del livello del Danubio. Una situazione probabilmente causata dalla perforazione di pozzi e costruzione di stagni e piscine senza permesso da parte dei residenti locali. L’acqua che ha inondato la zona, risultava pulita, quindi non poteva provenire dal Danubio, recita una dichiarazione del capo del distretto di Dunajska Streda (regione di Trnava).

(Red, Fonti varie)

Foto: GL

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google