L’Arcivescovo Sokol sconfitto nella causa per diffamazione contro il settimanale Tyzden

L’Arcivescovo emerito Jan Sokol di Trnava, in pensione dal 2009, ha perso una causa legale che aveva iniziato nei confronti del settimanale slovacco Tyzden. La Corte regionale di Trnava ha confermato la decisione del giudice di primo grado che aveva respinto la querela per diffamazione di Sokol e la sua richiesta di 50.000 euro a titolo di risarcimento, oltre alle scuse.

L’ex vescovo aveva citato l’editore di Tyzden, W Press, per una serie di storie pubblicate dal 2009 su un presunto trasferimento di 500 milioni di corone slovacche (circa 16,5 milioni di euro) provenienti dalla vendita di terreni della diocesi all’ex agente dell’intelligence Stefan Nahlik. Sokol ha sempre negato il pagamento, mentre il settimanale aveva varie fonti sulla storia, ma nessuna prova documentale.

Nahlik, secondo quanto ha scritto Tasr, è stato accusato di essere stato un attore principale nello scioglimento dell’ordine segreto dei francescani in Slovacchia, e Sokol, ha scritto Tyzden, avrebbe trasferito il denaro derivante a Nahlik, che avrebbe ricevuto cinque rate da un milione di corone ciascuna, e si stabilì in Canada.

La corte aveva sentito le testimonianze di diversi testimoni, tra i quali anche l’altro ex Arcivescovo di Trnava Robert Bezak, quello di Bratislava Stanislav Zvolensky e il capo redattore della rivista Stefan Hrib. La storia pubblicata era stata tratta in particolare da tre fonti, una delle quali è l’ex parlamentare cristiano-democratico Frantisek Miklosko.

Il verdetto è definitivo, e Sokol non può più fare appello.

(Fonte Slovak Spectator)

foto:  slovnikonline.com

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.