Fico: possiamo rifiutare le direttive di Bruxelles se non adatte al nostro Paese

La Slovacchia non deve aver paura di dire di no a proposte e direttive che arrivano da Bruxelles se ritiene che siano più adatte a risolvere una situazione delle misure a livello nazionale o regionale. Lo ha affermato il Premier Robert Fico alla conferenza sull’UE che si è tenuta a Bratislava il 9 maggio, Giornata dell’Unione Europea. Bruxelles non è un mucchio di esperti burocrati auto-nominatisi, ha sottolineato Fico: Bruxelles siamo anche noi. Gli euroscettici evidenziano il servilismo [dei paesi membri UE-ndr], ma si tratta invece del contrario – siamo liberi di dire no a progetti che riteniamo inopportuni, ha detto il Premier.

Il suo governo, ha detto, ha ricevuto un forte mandato pro-europeo alle elezioni generali dello scorso anno, e la posizione dell’esecutivo è chiara: restare al centro dell’integrazione europea. È vero però, ha notato, che le politiche irresponsabili sono un punto critico e non è possibile continuare su tale strada. Il rispetto “accurato” degli impegni, ha rimarcato Fico, è conditio sine qua non per un atteggiamento di solidarietà in Europa.

(Red)

foto_vlada,sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.