25 aprile, quale liberazione? – di Nazzareno Mollicone

Oggi, 25 aprile, i nostalgici della guerra civile dichiareranno che questa è “la Repubblica nata dalla resistenza e dall’antifascismo”. Bene. Ma se così è, quali sono oggi – dopo 68 anni – i risultati di questa “repubblica”? Corruzione della classe dirigente, politica e non; disoccupazione alle stelle; perdita della sovranità nazionale a favore non tanto di un Paese (il che è sempre stato nella logica dei rapporti tra Potenze) ma addirittura nei confronti di personaggi senza volto annidati nelle banche, a cominciare da quella europea; perdita della sovranità monetaria; incapacità dei partiti a governare; incapacità ad eleggere le massime cariche dello Stato; presidenza attribuita ad un uomo di 88 anni che in gioventù era stato fascista e che forse discende da Casa Savoia; critiche da parte di un comico, assurto a ruolo di capopartito, che addirittura preannuncia la “bancarotta” dell’Italia. Ma allora è questa la vera “repubblichina”, non quella SOCIALE con sede sul Lago di Garda!

(Nazzareno Mollicone per ItaliachiamaItalia.it)

Nota: le opinioni espresse dagli autori negli articoli da noi pubblicati non corrispondono necessariamente con quelle di Buongiorno Slovacchia o del suo editore.

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.