Poliziotti e soldati dovranno lavorare 10 anni in più per avere una pensione

Stop alle pensioni anticipate per agenti di polizia e soldati slovacchi. Il Parlamento ha passato giovedì un provvedimento che stabilisce che questi dovranno lavorare più a lungo per ottenere il diritto a una pensione completa. Le modifiche, preparate dal Ministro degli Interni Robert Kalinak (Smer-SD), prevedono ora che la pensione sia erogata dopo 25 anni di servizio – anziché i 15 anni sufficienti fino ad ora – e saranno applicate non solo a chi entra ora in polizia o nell’esercito, ma anche coloro che sono impiegati da meno di cinque anni.

Il rinvio di 10 anni non è l’unica notizia negativa per i lavoratori dei due settori, le legge prevede per loro anche un aumento della contribuzione pensionistica a loro carico, e non avranno diritto al trattamento di fine rapporto se non dopo 13 anni di servizio (contro i cinque attuali). Con il provvedimento il governo risparmierà oltre 64 milioni di euro all’anno.

Secondo il quotidiano Sme, sono ora a rischio i vigili del fuoco, il personale di soccorso, i doganieri, le guardie carcerarie, gli agenti di intelligence (SIS) e l’Ufficio di sicurezza nazionale (NBU), che potrebbero vedersi applicare la stessa norma, che porterebbe ulteriori risparmi per 6,7 milioni ogni anno.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.