Papa Francesco, i cattolici slovacchi sorpresi fanno festa

Anche in Slovacchia grande attenzione all’elezione avvenuta ieri pomeriggio in Vaticano del nuovo pontefice, il primo non europeo da 1300 anni e in assoluto il primo dall’America Latina – e più in generale dalle Americhe. Jorge Mario Bergoglio, 76 anni, gesuita argentino, è entrato lunedì in Conclave cardinale pensando di ritornare presto alla sua diocesi di Buenos Aires e si è ritrovato – contro tutte le previsioni – nuovo Papa e Vescovo di Roma. La sua decisione di prendere il nome di Francesco desta molte speranze per un governo della Chiesa che riporti alle origini, una Chiesa attenta ai poveri, attività alla quale il nuovo pastore universale ha dato grande attenzione nel reggere la sua diocesi. Nessun pontefice aveva sino ad ora “osato” ispirarsi fin dal nome a San Francesco d’Assisi, colui che otto secoli fa rigettà tutte le ricchezze perseguendo una vita di povertà. In queste ore vi sono però delle voci che si rincorrono sul possibile malinteso: forse il Papa si è ispirato a San Francesco Saverio, missionario, fondatore nel 1534 insieme a Ignacio di Loyola della Compagnia di Gesù, lo stesso ordine del quale Bergoglio è stato a capo in Argentina. Solo lui potrà sciogliere il dubbio. Francesco è il 266esimo Papa, eletto in uno dei più brevi conclavi nella storia della Chiesa.

Il capo della Conferenza episcopale slovacca Stanislav Zvolensky ha espresso la sua sorpresa per la tempestiva  elezione di Papa Francesco, e ha detto di considerare questo fatto una manifestazione dell’unità della Chiesa cattolica. Zvolensky ha riconfermato che sarà inviato dopo Pasqua al nuovo papa un invito per una visita in Slovacchia in occasione del 1150 ° anniversario dell’arrivo dei missionari Cirillo e Metodio sul territorio della Grande Moravia – oggi Slovacchia. I vescovi slovacchi hanno inviato un telegramma a Francesco, ricordando che loro pregano per lui affinché lo Spirito Santo tenga salda la sua mano nella guida della Chiesa. Hanno poi detto di pregare la Beata Vergine Maria, patrona della Slovacchia, perché protegga il pontificato.

Il quotidiano Sme in un editoriale ha citato l’elezione di Bergoglio come un segno di rafforzamento della Chiesa e di ritorno alle sue origini di annuncio del Vangelo, dopo un periodo di riflessione interna sulla vita della Chiesa cattolica in un mondo in rapida evoluzione. Il suo compito principale, scrive Sme, è quello di offrire la propria visione del mondo a tutti, anche a coloro che non la vogliono seguire. Pravda ha scritto che difficilmente il nuovo pontefice cambierà la direzione conservatrice della Chiesa. Da cardinale si è opposto con forza all’aborto, all’eutanasia e all’omosessualità. Ha però sempre espresso la necessità di rispettare le persone omosessuali come esseri umani.

Tra i politici slovacchi, il Premier Robert Fico si è congratulato con il nuovo papa augurandogli molte buone decisioni. Fico ha detto che presto sarà invitato a venire in Slovacchia. Il Ministero degli Esteri slovacco ha espresso in una nota la convinzione che Papa Francesco sarà una forte autorità morale per il mondo moderno globalizzato, esortando alla comprensione e solidarietà tra le nazioni e al dialogo tra culture e religioni. Il Presidente della Repubblica Ivan Gasparovic si è detto convinto che il pontificato di Francesco contribuirà a migliorare ulteriormente i rapporti bilaterali tra Slovacchia e Santa Sede.

L’agenzia di stampa Sita ha raccolto anche le parole del sacerdote slovacco Ivan Rupnik, gesuita come il nuovo papa, che conosce personalmente. Rupnik ha descritto Bergoglio come uomo di fede profonda e di devozione mariana, e con un “forte sentimento sociale”. L’ex portavoce della Conferenza dei Vescovi slovacchi Marian Gavenda , sacerdote, ha detto a Sita che il nuovo papa potrebbe portare in Europa la vitalità dell’America Latina.

Il sacerdote salesiano e scrittore Anton Srholec ha detto a Tasr che Papa Francesco può essere visto come simbolo del cambiamento di cui la Chiesa ha tanto bisogno. L’accento sulla modestia nella vita del cardinale Bergoglio, e la scelta del nome Francesco che indica umiltà, porranno probabilmente l’attenzione sulla condizione dei più deboli, che sono milioni in tutto il mondo. Srholec avvisa che se anche la Chiesa slovacca vuole seguire le indicazioni del pontefice, i suoi rappresentanti dovranno lasciarsi alle spalle i simboli della vita agiata e i loro palazzi, e avvicinarsi in modo più convincente alle persone che soffrono – poveri, disoccupati, ammalati.

(Fonti varie, La Redazione)

Fotografie: Papa Francesco – Jorge Mario Bergoglio, 13/3/2013, fonte sito vatican.va

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google