Commissione UE: stima PIL slovacco all’1,1% nel 2013, aumento al 2,9% l’anno dopo

La crescita in Slovacchia sarà decisamente più limitata nel 2013 di quanto previsto fino a pochi mesi fa, secondo le stime della Commissione Europea (CE). Non dovrebbe tuttavia correre il rischio di una recessione. Nella sua prognosi invernale per la Zona Euro, la CE ritiene che il PIL slovacco possa rallentare a un 1,1%, ben 0,9 punti percentuali in meno rispetto alla precedente prognosi di novembre 2012. A Bruxelles pensano comunque che la ripresa sarà veloce, e già per il 2014 si stima una crescita al 2,9%.

Il Ministro delle Finanze slovacco Peter Kazimir ha accolto senza sorpresa i numero della nuova stima UE, sottolineando che la Slovacchia sarà tra i pochi paesi dell’Eurozona a evitare la recessione insieme a Estonia, Malta e Irlanda.

La forte decelerazione, però, si porterà dietro anche delle conseguenze sul mercato del lavoro, è convinta la Commissione UE, con un tasso di disoccupazione che è destinato a non scendere sotto al 14%, un dato che mostra un peggioramento rispetto alla stima di novembre, con un leggero calo nel prossimo anno al 13,6%. Un dato relativamente positivo è quello di una inflazione limitata, con i prezzi al consumo che secondo la UE sarà quest’anno dell’1,9%, quasi invariata l’anno successivo al 2%.

(Fonte Sario)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.