Un gruppo di avvocati fa causa a Novy Cas per 1 milione per i suoi servizi sul festino “alla Harman”

Un gruppo di avvocati che hanno partecipato a una festa nel 2010, dove l’anfitrione Tibor Pechy, avvocato in pensione, ha ricevuto gli invitati con un fucile automatico e due cuffie blu, l’aspetto del pluriomicida Lubomir Harman che nell’agosto di quell’anno fece il massacro di Devinska Nova Ves (con sette morti e oltre una dozzina di feriti), hanno presentato una querela contro il giornale Novy Cas, colpevole di aver pubblicato al tempo una serie di articoli dedicati al caso che fece scalpore tra il pubblico, chiedendo un risarcimento di 940.000 euro. Come ha scritto nell’edizione odierna il quotidiano Sme gli avvocati, tra i quali era l’attuale Procuratore generale supplente Ladislav Tichy, dicono ora che la somiglianza tra l’abito di Pechy e quello di Harman fu accidentale e che le cuffie antirumore blu sono comuni tra i tiratori. Inoltre, le foto pubblicate da Novy Cas sono, dicono, un fotomontaggio, le bevande che si vedono nelle foto e nei video sono in realtà più che altro acqua naturale e i presenti indossavano tutti “abiti decenti” e il party non lasciava alcun sospetto di perversione.

L’International Press Institute ha criticato l’azione legale, e il capo della filiale slovacca Pavl Mudry ha definito “depravato” il comportamento dell’élite giudiziaria del Paese nel cercare di difendere i propri comportamenti  accusando i giornalisti.

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.