Strage Hurbanovo, Corte specializzata esclude omicidio premeditato, la procura ricorre

L’omicidio multiplo portato a termine lo scorso anno da un agente di polizia municipale fuori servizio del comune di Hurbanovo, nel sud della Slovacchia, non può essere classificato come omicidio premeditato, ma solo come un crimine particolarmente grave di omicidio, ha concluso la Corte specializzata penale. Il caso contro l’uomo, Milan J., passerà ora alla Corte distrettuale di Nitra, ma la Procura speciale ha deciso di contestare il verdetto e si è rivolta alla Corte Suprema.

Il massacro che si è svolto il 16 giugno 2012 ha visto l’agente di polizia 51enne parcheggiare la sua auto davanti alla casa di una famiglia rom e poi uccidere il capo famiglia di 44 anni, suo figlio 19enne e il genero 24enne, lasciando un secondo figlio ferito al polmone e la nuora alla gamba.

La polizia trovò l’omicida circa un’ora più tardi, seduto davanti alla casa del sindaco di Hurbanovo e in stato confusionale.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.