Italia / Rapporto Eurispes, più poveri 7 italiani su 10

Nel 2012, 7 italiani su 10 hanno visto peggiorare la situazione economica personale. Alla domanda su come la propria situazione economica personale sia cambiata nell’ultimo anno, oltre il 70% degli intervistati ha risposto che è peggiorata (per il 40,2% di molto, per il 33,3% in parte). E’ quanto emerge dal Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes. Sono davvero pochi coloro che hanno visto la propria situazione migliorare: si tratta appena del 4,8% degli intervistati (lievemente 3,9%, e molto 0,9%). In netto peggioramento la condizione di chi ha una partita Iva (molto per il 46,3%), con scostamenti rilevanti (più di 16 punti percentuali) rispetto a lavoratori con contratti di lavoro subordinato o atipico. Il 60,6% degli italiani, 3 su 5, rivelano di essere costretti a intaccare i propri risparmi per arrivare alla fine del mese; il 62,8% ha grandi difficoltà ad affrontare la quarta (quando non la terza) settimana; il 79,2% non riesce a risparmiare, questo vuol dire che solo 1 su 5 riesce a mettere qualcosa da parte. Tra i 45 e i 64 anni si rilevano maggiori difficoltà economiche: il 65,6% afferma, infatti, di essere costretta ad intaccare i propri risparmi, ben il 72,3% conferma grandi difficoltà nell’arrivare a fine mese, e l’87,8% non riesce a risparmiare. Ma anche i 35-44enni riferiscono nel 60,8% dei casi di dar fondo ai risparmi per arrivare a fine mese, nel 62,7% soffrono la crisi della quarta (o terza) settimana e nel 77,5% dei casi non hanno possibilità di risparmio. Quando viene chiesto agli intervistati se ritengano di riuscire a risparmiare qualcosa nei prossimi dodici mesi, due su tre rispondono naturalmente di no, che probabilmente (36,7%) o certamente (30%) non riusciranno a risparmiare alcunché, mentre il 27,4% ritiene che nel 2013 riuscirà ad alimentare i propri risparmi, di questi ultimi ne è totalmente sicuro però solo il 5,7%, mentre il 21,7% non ne è del tutto certo.

(Fonte NoveColonne ATG)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.