Calabria, traffico di donne e armi dalla Slovacchia, 4 arresti e un ricercato per

Impiegavano i proventi della prostituzione per acquistare armi in Slovacchia da rivendere sulla piazza della piana di Gioia Tauro. Questo quanto è emerso dall’inchiesta coordinata dalla Procura di Palmi (RC) e condotta dalla squadra mobile di Reggio Calabria che ha sgominato un’organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione, all’introduzione e alla vendita di armi ed al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’inchiesta, denominata in codice “Operazione Slovacchia”, ha portato il gip ad emettere cinque ordinanze di custodia cautelare, su richiesta del procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo e dei pm Antonio D’Amato e Francesco Ponzetta, nei confronti di due pachistani, uno slovacco e due calabresi.

Gli arrestati sono Abbas Nazar, di 53 anni, pachistano, residente a Joppolo (Vibo Valentia); Sher Ahmed (37), pachistano, residente a Rolo (Reggio Emilia); Giuseppe Cotroneo (40), di San Ferdinando, ritenuto dagli inquirenti vicino alla cosca di ‘ndrangheta Bellocco di Rosarno, e Carmelo Preiti (40), nato negli Stati Uniti e residente a Joppolo dove gestisce un albergo. Preiti è stato posto agli arresti domiciliari.

Irreperibile, invece, Karol Dudek (41), slovacco, domiciliato a Rosarno. Dalle indagini sarebbe emersa la responsabilità di Dudek e di Cotroneo nell’introduzione di armi, quasi sempre pistole con relativo munizionamento, che venivano importate dalla Slovacchia e che la polizia sospetta venissero cedute ad ambienti criminali di San Ferdinando e di Rosarno.

Secondo l’accusa, inoltre, da almeno quattro anni Dudek e Preiti erano dediti allo sfruttamento della prostituzione di donne dell’Est europeo reclutate in Slovacchia con la promessa di un lavoro legale e poi costrette a prostituirsi tra Rosarno e San Ferdinando ma anche all’interno dell’albergo di Joppolo di proprietà dello stesso Preiti. La polizia ha anche accertato la partecipazione di Abbas e di Sher, e di altri soggetti italiani e pachistani in corso di identificazione ad un’associazione che si occupava del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Dudek viene ricercato anche dall’Interpol e gli inquirenti ritengono che possa essersi nascosto in Slovacchia.

L’inchiesta, come hanno sostenuto ieri nel corso di una conferenza stampa le autorità, non si è affatto conclusa con l’arresto, ma continuerà per identificare altri presunti componenti l’organizzazione. La Procura di Palmi ha trasmesso alcuni atti alla Dda di Catanzaro, che provvederà a coordinare e approfondire altre tipologie di indagini.

Nel corso delle operazioni, la squadra mobile di Reggio Calabria aveva già bloccato nel dicembre 2010, allo svincolo di Vibo Valentia dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, due corriere slovacchi trovati con una pistola Walther calibro 9×19 munita di silenziatore. I due sono stati condannati in primo grado a quattro anni ed otto mesi di reclusione.

(Red, Fonte strettoweb.com)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google