Jahnatek: Bruxelles faccia più controlli nell’industria alimentare polacca

Tempi difficili per l’industria alimentare in Polonia. È di questi giorni il caso degli hamburger  inglesi, prodotti in Polonia, che si è scoperto contenere fino al 20% di carne equina all’insaputa degli ignari consumatori. Ma ci sono altri episodi, ben più delicati, che hanno visto nelle scorse settimane controlli a tappeto in Slovacchia da parte delle autorità sanitarie e alimentari.

La scorsa settimana ci sono state ispezioni delle autorità di sanità pubblica regionale nelle pasticcerie slovacche, per scovare i dolciumi importati dalla Polonia. Si cercavano prodotti provenienti dalla ditta polacca Magnolia, che ha utilizzato latte in polvere contenente veleno per topi per realizzare una serie di prodotti dolciari. Secondo il rapporto dell’ufficio nazionale, su oltre 1.780 snack bar, caffè e pasticcerie che sono stati controllati, soltanto un caso ha mostrato di essere potenzialmente pericoloso. Si tratta di cuori di cialda Stilla Dolce trovati a Ziar nad Hronom (regione di Banska Bystrica). Anche se il prodotto stesso non contiene latte in polvere, è stato ritirato dalla vendita.

Il Ministro dell’Agricoltura slovacco, Lubomir Jahnatek, ha chiesto alla Commissione Europea di rivalutare i suoi meccanismi di controllo sul mercato alimentare polacco, per garantire che non vi siano rischi per la salute dei consumatori non solo in Slovacchia, ma in tutti i paesi dell’UE. Noi non possiamo, come membro UE, fare azioni unilaterali, come vietare le importazioni di prodotti agricoli e alimentari polacchi, ma i continui scandali dell’industria alimentare polacca ci danno il diritto di credere che i controlli ufficiali in Polonia non sono abbastanza efficace, si legge in una lettera che Jahnatek ha inviato a Bruxelles. Il ministro slovacco si è anche rivolto al suo collega polacco, Stanislav Kalemba, chiedendo urgenti misure per irrobustire i controlli sui prodotti alimentari in Polonia a tutti i livelli.

I prodotti alimentari di bassa qualità, in particolare quelli importati nel mercato slovacco dall’estero, rappresentano da tempo un serio problema. Nel 2012 ci fu uno scandalo quando si scoprì che alcuni alimentari polacchi contenevano sale industriale di solito cosparso sulle strade in inverno. Molti prodotti di marche occidentali sono venduti nella stessa confezione che sui mercati dell’Europa occidentale, ma il loro contenuto è diverso e spesso più scadente.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google