Governo: divieto di fumo nei centri commerciali

Il Consiglio dei Ministri della Slovacchia ha approvato oggi una proposta per una maggiore protezione delle persone contro il fumo passivo, rendendo più severi i vincoli per i fumatori nei locali pubblici. Con la modifica odierna, il governo ha stabilito il divieto di fumo nei centri commerciali, oltre che a tutte le strutture che offrono cibo inclusi bar, caffè e ristoranti all’interno di tali complessi, e non solo per quelli che preparano i pasti come è successo finora.

Già nel 2010 è stata data una maggior protezione ai non fumatori in Slovacchia, con l’obbligo ai proprietari di ristoranti, bar e caffè che servono cibo di dividere le strutture in zone fumatori e non fumatori con un solido muro divisorio. Mentre i locali che servono solo bevande o snacks possono decidere se aderire o meno all’iniziativa. Il nuovo cambiamento è derivato da una nuova direttiva europea sui prodotti del tabacco.

Il tabacco in Slovacchia provoca la morte di circa 11.000 persone ogni anno, e la cura dei pazienti con malattie legate al fumo costa allo Stato una somma di circa 232 milioni di euro all’anno. Secondo stime, il 62% degli slovacchi non fumano, e il numero di fumatori adulti sta continuamente regredendo. È però in aumento il numero di ragazzi in tenera età che fumano.

Se il disegno di legge passa in Parlamento e viene firmato dal Presidente, entrerà in vigore nel luglio di quest’anno.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.