Moody’s: il governo slovacco non riuscirà a ridurre il deficit al 3% quest’anno

L’agenzia di rating internazionale Moody’s ha avvertito ieri il governo slovacco che avrà davanti a sé un lavoro duro per riuscire nella riduzione del deficit di bilancio previsto dai piani del Premier Robert Fico. In un articolo di oggi pubblicato in prima pagina, il quotidiano Hospodarske Noviny scrive che secondo l’agenzia gli sforzi del governo nel risanamento delle finanze pubbliche potrebbe non produrre l’effetto desiderato. «Sembra che sarà molto difficile per la Slovacchia raggiungere il suo obiettivo di riduzione del deficit al di sotto del 3% del PIL nel 2013», ha dichiarato al giornale Jaime Reusche, assistente del vice-presidente di Moody’s per il dipartimento Analisi. Nella visione dell’agenzia, un rallentamento dell’economia nazionale e una conseguente riduzione delle entrate fiscali potrebbe rovinare i piani di Fico.

Il Ministro delle Finanze slovacco Peter Kazimir dice di non farsi illusioni, scrive sempre HN. Se la crescita dell’economia del Paese dovesse, ad esempio, ridursi dall’attuale 2,1% a un 1%, il governo dovrà trovare fondi straordinari per 250 milioni. Secondo Moody’s non c’è però molto spazio per garantire tali entrate extra. Fico ha dichiarato ultimamente che il governo non introdurrà ulteriori aumenti nelle tasse, ma piuttosto andrebbe a tagliare ancora la spesa dei ministeri.

Al momento, osserva il quotidiano, Moody’s è la prima agenzia di rating internazionale a rilasciare un avviso alla Slovacchia.

(Fonte HN)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.