Criminalità in Slovacchia, Pravda: la polizia ha truccato i dati

La polizia ha informato, con le sue statistiche annuali, che il numero di rapine in Slovacchia è diminuito e i crimini con violenza hanno avuto un calo deciso nel corso degli ultimi due anni. Gli esperti nel Paese, però, hanno dei dubbi, e sospettano che la polizia abbia manipolato i dati, abbellendoli. Lo scrive il quotidiano Pravda oggi, con occhiello in prima pagina.

I dati più recenti indicano che il numero di rapine è sceso a 851 nel 2012, dal valore di 1.188 del 2010. Ma di fatto, secondo gli esperti della materia, il numero di tali reati è aumentato. La polizia avrebbe classificato un certo numero rapine come altri reati, quale l’estorsione con minacce, per esempio. L’incidenza di crimini violenti, rimasta per molti anni allo stesso livello, sembra ora essere diminuita notevolmente, passando dai 150 crimini del 2011 agli 87 del 2012. Una riduzione del genere, così rapida, è però quasi impossibile, secondo i criminalisti.

La sociologa Barbora Holubova, dell’Istituto di ricerca sul avoro e la famiglia, ritiene che i cambiamenti nella classificazione dei crimini sarebbe il risultato di nuove pratiche introdotte dall’ex presidente del Corpo di Polizia Jaroslav Spisiak nel 2011. Da allora, gli agenti di polizia vengono generosamente remunerati a seconda della percentuale di reati risolti. Anche fonti interne alla polizia avrebbero confessato a Pravda che le cifre relative alla criminalità sono state truccate, cosa non confermata al giornale dalle alte sfere della pubblica sicurezza, che si sono chiuse nel riserbo.

(Fonte Pravda)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.