Tabacco: norme più severe per i fumatori e divieto per i centri commerciali

Il Ministro della Salute Zuzana Zvolenska intende rivedere l’elenco delle 14 avvertenze sanitarie stampate sui pacchetti di sigarette, in linea con una nuova proposta di direttiva UE sul tabacco. In un articolo di Sme nell’edizione di ieri, è scritto che il ministro vuole che i pacchetti mettano bene in mostra avvertimenti più crudi a partire dal mese di aprile. Per esempio, la frase «Il fumo del tabacco durante la gravidanza fa male al bambino» potrebbe essere sostituita con la più robusta avvertenza «Il fumo potrebbe uccidere il tuo bambino non ancora nato».

La Zvolenska non avrebbe però intenzione di osservare un’altra raccomandazione della Commissione UE, che prevede le avvertenze in forma di immagini. «Non è obbligatoria», ha dichiarato il ministero, e i singoli governi «hanno la possibilità di decidere quale forma di marcatura scegliere».

Una notevole novità verrà dal possibile divieto di fumo nei centri commerciali, scrive Sme, e sulle terrazze dei ristoranti, come dovrebbe scaturire dalla nuova normativa in fase di elaborazione al ministero. La nuova legislazione dovrebbe comprendere anche sanzioni più severe per la violazione dei divieti, con ammende per il fumo in ristoranti e caffè tra i 500 e i 15.000 euro. Oggi, le stesse ammende variano da 300 a 3.319 euro.

(Fonte Sme)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.