L’oleodotto di Schwechat passerà per l’abitato di Bratislava senza toccare Zitny Ostrov

Il tanto discusso oleodotto Bratislava-Schwechat (BSP), progettato per collegare la raffineria austriaca di Schwechat con il condotto Druzhba proveniente dalla Russia, verrà probabilmente realizzato attraverso la città di Bratislava. Così almeno prevedono le due varianti che il Ministero dell’Economia slovacco sta esaminando, ed entrambe passano per il quartiere di Petrzalka, il più popoloso della capitale.

In ogni caso, secondo lo studio del ministero, le due alternative osservano un «pieno rispetto dei requisiti ambientali, in quanto non si intersecano con il territorio di Zitny Ostrov, che è la più grande riserva naturale di acqua potabile [dell’Europa centrale]», e nemmeno alcuna altra area protetta. I due percorsi sotto verifica sono commercialmente fattibili, dice la relazione, e «senza effetti significativi sull’ambiente». Pongono tuttavia alcuni problemi per gli aspetti tecnici e giuridici, per il fatto che «tali tragitti attraversano zone abitate».

I piani originali prevedevano un passaggio dell’oleodotto nell’area sensibile di Zitny Ostrov (un territorio che è ricompreso tra i letti del Danubio e del Piccolo Danubio (Maly Dunaj), tanto da essere considerato un’isola (Zitny Ostrov = Isola della Segale). Il Ministero dell’Ambiente respinse l’idea nel 2005 e il governo di Iveta Radicova confermò tale atteggiamento nel suo mandato (2010-2012).

Il Ministro dell’Ambiente Peter Ziga ha dichiarato all’inizio di dicembre che è impossibile costruire un oleodotto attraverso Zitny Ostrov con le tecnologie attuali. La questione sarà sul tavolo del governo tra pochi giorni, nella sua prima riunione dell’anno.

(Fonte Tasr)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.