NChZ, corte Lussemburgo respinge ricorso della società chimica contro multa UE

Un tribunale nazionale del Lussemburgo ha respinto la scorsa settimana un ricorso presentato dalla società chimica slovacca Novácke Chemické Zavody (NChZ) contro la Commissione Europea per una multa inflittale nel 2009 per la sua partecipazione ad un cartello commerciale. Il tribunale ha respinto il ricorso contro la Commissione, che aveva a suo tempo comminato all’azienda una ammenda di 19,6 milioni di euro per violazione delle norme dell’Unione Europea sulla concorrenza economica. L’ufficio stampa della Commissione UE ha informato che la corte ha sostenuto che l’ammontare della multa è stata giudicata opportuna date le circostanze e la gravità del caso.

Bruxelles impose nel giugno 2009 una multa di 61 milioni totali a nove società che avevano costituito un cartello dei prezzi nel settore del carburo di calcio sul mercato europeo tra l’aprile 2004 e il gennaio 2007. Il produttore slovacco che ha sede a Nováky (regione di Trencin) e il suo azionista sono stati condannati a pagare la quota più alta, 19,6 milioni di euro. A causa di questa sanzione, la società ha successivamente presentato istanza di fallimento. Ora i rappresentanti dell’azienda possono impugnare un’ultima volta la sentenza facendo appello presso la Corte europea di giustizia di Lussemburgo.

(Fonte Tasr)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.