Regno Unito, i bambini di Ivana Boórová possono tornare in Slovacchia

Una corte d’appello di Londra ha stabilito che i figli della slovacca Ivana Boórová possono tornare a casa in Slovacchia. Soddisfazione è stata espressa dai rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero del Lavoro e Affari sociali. Il caso è stato considerato dal capo della diplomazia slovacca un vero “precedente”, dicendo che i giudici inglesi dovranno prendere in considerazione da ora in poi il significato della famiglia biologica al momento di allontanare i bambini dai loro genitori nel Regno Unito. Il ministro Lajcak ha detto che «è fondamentale che i cittadini rispettino le leggi del paese in cui hanno scelto di vivere, ma i loro diritti non possono essere oggetto di abuso solo perché sono stranieri». Il collega al dicastero del Lavoro, Jan Richter, ha ricordato che malgrado la sentenza d’appello sembra aver posto fine a un problema, in realtà il lavoro del ministero è ancora lungo, con decine di altri casi sulle scrivanie ogni giorno, che porta il ministero a comunicare quotidianamente con tutti i paesi coinvolti, in Europa, Russia, Cina, Australia».

Lo Stato slovacco è stato coinvolto nel caso dei bambini di Ivana Boórová come parte terza, intercedendo presso i tribunali per farli ritornare a casa, fornendo garanzie per quanto riguarda la loro assistenza sanitaria e l’istruzione. I due fratellini saranno affidati alle cure della nonna in Slovacchia.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.