Radicova e Miklos a Bruxelles per l’ESFS

Primo importante appuntamento per il nuovo Primo Ministro della Slovacchia Iveta Radicova: oggi è partita alla volta di Bruxelles per una visita di lavoro di due giorni, per iniziare la discussione con i funzionari dell’Unione Europea e della NATO.

Nel corso della giornata la Radicova incontrerà il Presidente del Consiglio Europeo Herman van Rompuy , mentre domani si incontrerà con il Presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso, il Presidente dell’Eurogruppo Jean Claude Juncker e il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen. Al suo primo viaggio all’estero da quando è diventata Premier la scorsa settimana, la Radicova vedrà anche il Commissario Europeo slovacco per le Relazioni Inter-Istituzionali e l‘Amministrazione Maros Sefcovic.

I colloqui sull’ESFS non saranno comunque una passeggiata, il precedente Governo aveva dato il suo ok preliminare e la Commissione Europea si aspetta che il nuovo Governo ratifichi il patto, cosa che avrebbe dovuto avvenire entro il 1° Luglio scorso, ma che venne rimandato a dopo la nomina del Governo per un braccio di ferro tra l’ex Premier Fico e la coalizione di Governo entrante.

È di questa mattina peraltro una dura dichiarazione del Ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble, sul fatto che la Slovacchia non può essere separata dal resto della zona euro, che è costruita sulla solidarietà , quindi non c’è spazio per negoziati. Questo, prima di una riunione dei Ministri delle Finanze dell‘eurozona in merito al Meccanismo di stabilità finanziaria ESFS. «Sarebbe un cattivo segnale per i mercati», ha aggiunto Schauble.

La Slovacchia è rappresentata nella sessione dal suo nuovo Ministro delle Finanze Ivan Miklos (SDKU-DS), che vuole garantire migliori condizioni per la Slovacchia nel Meccanismo di sicurezza che è stato progettato per fornire aiuto ai paesi che si trovano in difficoltà finanziaria simile a quella sperimentata dalla Grecia.

Miklos ha sottolineato che lui non ha il mandato da parte del Governo slovacco per firmare l‘accordo generale, per cui lui è solo in grado di fornire una promessa politica. Miklos incontrerà oggi il capo dell‘Eurogruppo e Premier lussemburghese Jean -Claude Juncker, mentre Iveta Radicova lo vedrà nella mattinata di domani. Juncker ha detto stamane che crede che la Slovacchia sottoscriverà l’accordo, aprendo così la via per il Meccanismo europeo di stabilità finanziaria (ESFS).

L’Unione Europea, in cooperazione con il Fondo Monetario Internazionale, vuole accumulare circa 750 miliardi di euro per possibili aiuti agli stati in difficoltà finanziarie, e la Slovacchia dovrebbe contribuire al progetto con 4,37 miliardi.

(Fonte TASR, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google