SPP, Ministero Finanze sconsiglia di acquistare l’intera società, troppe perdite

Lo Stato slovacco potrebbe acquisire una partecipazione del 100% nella società di distribuzione del gas Slovensky plynarensky priemysel (SPP) entro la fine del prossimo anno, in questo modo acquisendo un controllo pieno sulla formazione dei prezzi delle forniture del più grande commerciante di gas del Paese. L’agenzia di privatizzazione statale FNM e il Ministero dell’Economia avrebbero già discusso di una riorganizzazione del gruppo SPP con il gruppo ceco Energeticky a prumyslovy holding (EPH), che è in attesa di concludere l’acquisto del 49% di SPP dai suoi soci francesi (GDF Suez) e tedeschi (E.ON Ruhrgas) che vogliono disinvestire.

Il Ministero delle Finanze guidato da Peter Kazimir, tuttavia, non raccomanda l’acquisto dell’intera partecipazione nella utility del gas. In una analisi all’esame del governo oggi, l’acquisto totale è solo una delle possibili varianti per avere il controllo dei prezzi del gas per uso domestico, quello che va a incidere sui conti delle famiglie. Se lo Stato si accollasse la società, infatti, ci sarebbe un notevole impatto negativo sul deficit e il debito della Pubblica amministrazione, avverte il ministero.

La società SPP avrebbe chiuso lo scorso anno con perdite, e lo stesso sta succedendo quest’anno, secondo le informazioni del quotidiano finanziario Hospodarske Noviny. L’attività principale della società madre del gruppo SPP è il commercio di gas, e tale attività ha generato perdite l’anno scorso (circa 24 milioni di euro) e l’anno prima. Il Ministero dell’Economia avvisa che in ogni caso si attenderanno i risultati di una due diligence indipendente.

Nel frattempo, il deputato Daniel Lipsic (ex KDH, poi fondatore del partito Nuova Maggioranza ma risulta in Parlamento come indipendente) ha detto che in Slovacchia si sta preparando un «furto di gas natalizio». Lipsic accusa il governo di Fico di intendere approvare la vendita del 49% di SPP per la somma di appena 75 miliardi di corone slovacche, che rappresenta un controvalore di circa 2.500 milioni euro, mentre all’atto della privatizzazione, oltre dieci anni fa, il governo di Mikulas Dzurinda vendette la partecipazione di minoranza al consorzio franco-tedesco per 123 miliardi di corone (oltre 4 miliardi di euro).

Secondo l’accordo che si sta delineando con il governo slovacco, i cechi di EPH punterebbero a ottenere il controllo di due società di SPP: Eustream, che controlla la trasmissione del gas in Slovacchia (e il gasdotto Druzhba) e Distribucia SPP, la società di distribuzione agli utenti finali di gas. Le due società hanno guadagnato insieme quasi 300 milioni di euro l’anno scorso, un 43% del profitto globale, ha scritto HN.

(Fonte hnonline.sk)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google