Slovalco discute con il governo per un sostegno al produttore di alluminio

Non bastano i timori che l’acciaieria US Steel possa ritirarsi da Kosice, scrive oggi il quotidiano Pravda come riportato da Tasr, ma la Slovacchia ora rischia anche la perdita dell’unico produttore di alluminio, la Slovalco, che dà lavoro a circa 3.000 persone vicino a Ziar nad Hronom (regione Banska Bystrica). L’azienda sarebbe giunta alla scadenza di un contratto che le forniva energia elettrica a basso costo, e secondo il direttore Milan Vesely se lo stabilimento dovesse pagare l’energia al costo intero incorrerebbe in grosse perdite.

Vesely ha detto al giornale che l’azienda ha necessità di costi dell’elettricità almeno non superiori a quelli che pagano gli altri produttori di alluminio in Europa. Per questo la società ha chiesto un aiuto al governo di Robert Fico. Secondo certi calcoli, i costi dell’energia elettrica in Slovacchia sono due volte più alti di quelli in Germania e in Ungheria. Vesely ha detto che avranno bisogno di sostegno da parte del governo per sostenere i costi delle emissioni, che nel settore industriale nel quale opera Slovalco sono molto alti.

Il rischio, scrive Pravda, è che se non ci saranno sostegni pubblici la Slovalco non sia in grado di continuare a produrre alluminio in Slovacchia. Il Sottosegretario del Ministero delle Finanze Peter Pellegrini ha confermato al giornale che il governo è in trattative con l’azienda.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.