Madri coraggio: petizione online per ridare i bambini a Ivana Boorova

Il caso dei bambini slovacchi di Ivana Boorova, slovacca residente nel Regno Unito, è finito con un certo rilievo anche sulla stampa internazionale. Il sito di attivisti Avaaz.org ha lanciato una petizione per farla finita con quel tipo di interventi che invece di salvaguardare i minori finiscono per minacciarle il loro equilibrio affettivo e la loro vita futura.

La petizione online inserita il 13 novembre (il giorno dopo l’ennesima protesta di madri infuriate davanti all’Ambasciata del Regno Unito a Bratislava) racconta un brandello della storia della madre slovacca che si protrae da due anni, e invita a guardare il documentario di TV JOJ “Non senza i miei figli” (in slovacco sottotitolato in inglese, visibile a questo link). Nel filmato, si racconta la battaglia della Boorova, i cui figli le sono stati sottratti nel 2010 dai servizi sociali britannici e resi in seguito disponibili con un verdetto del giudice britannico all’adozione da parte di una famiglia inglese. L’intento del giudice è di tenere i bambini in quel Paese malgrado la giovane nonna, che vive in Slovacchia, abbia combattuto con la figlia per farseli assegnare. A settembre pareva che la questione si fosse sbloccata e un nuovo giudizio pareva dare il via libera al ritorno dei bambini in Slovacchia, cosa poi apparsa priva di fondamento.

I due piccoli erano stati tolti alla cura della madre e dati in affido dai servizi sociali dopo che un medico, nel corso di una visita, aveva trovato nei bambini delle infezioni genitali che sono state sospettate essere il risultato di abusi sessuali. I genitori, residenti in Gran Bretagna per lavoro, sono stati subito sospettati senza alcun altro indizio o prova e  sottoposti a processo.

La questione ha raggiunto le stanze della politica e diplomazia slovacca. Lo stesso Ministro degli Esteri Lajcak ne ha parlato con il collega britannico William Hague, il quale aveva promesso cooperazione a patto che si rispetti l’indipendenza del sistema giudiziario britannico. Lajcak lamentò allora, a settembre di quest’anno, la scarsa comunicazione tra i rispettivi uffici britannici e slovacchi, che lui riteneva causa di ulteriori incomprensioni e di informazioni distorte. Questo lunedì si è saputo che una Corte d’appello di Londra ha emesso una sentenza per limitare le informazioni da fornire nei casi dei bambini slovacchi presi in carico dalle autorità britanniche, cosa che comunque è ritenuta da ambienti della diplomazia slovacca “normale” per proteggere i bambini piccoli. Lajcak ha comunque confermato questa settimana che il ministero sta prestando molta attenzione al caso, con l’obiettivo di «far tornare i ragazzi in Slovacchia, alla cura della loro nonna».

Domani, venerdì 16 settembre, un tribunale britannico emetterà il suo verdetto definito (era previsto per martedì ma è poi slittato).

La storia sembra essere solo la punta di un iceberg, perché, oltre a un altro caso slovacco che ha recentemente raggiunto le prime pagine dei media con una coppia che si è vista togliere dalla custodia cinque dei sette figli, pare che siano almeno un centinaio i bambini in queste condizioni.

La petizione Avaaz online è stata firmata fino al momento in cui scriviamo da 1.145 persone. Chi vuole sottoscriverla la può trovare a questa pagina. Nel testo si parla di una sottrazione “ingiustificata” dei bambini alla madre, e di «un embargo multimediale in corso su tutto il caso nel Regno Unito».

Nei primi minuti del filmato la Boorova accenna al film “La vita è bella” di Benigni, e dice che anche lei sta giocando coi i suoi bambini a “raccogliere punti”. Nel film, il padre Guido sfida il figlio ad accumulare punti comportandosi bene e rispettando le regole del campo di concentramento in cui vivono. Questo gioco permetterà al bambino di sopravvivere in uno stato di incoscienza rispetto alla reale situazione in cui si trova.

Fotografia illustrativa: vermininc@flickr

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google