SPP chiede l’aumento sul gas anche contro il diktat del governo

L’utility del gas slovacca Slovensky plynarensky priemysel (SPP) ha ignorato i moniti del governo e ha chiesto all’Ufficio per la regolamentazione delle industrie di rete (URSO) un aumento delle tariffe del gas per le forniture domestiche del prossimo anno, ha scritto ieri Pravda. I proprietari tedeschi e francesi della minoranza della società (il 49%), che però hanno piena titolarità della gestione aziendale, hanno deciso di andare in questa direzione nonostante l’opposizione da parte dello Stato che detiene il 51%.

Il Premier Robert Fico ha più volte insistito sul fatto che il suo governo non avrebbe permesso il rincaro dei prezzi del gas per le famiglie. La decisione è ora nelle mani di URSO, che non ha escluso un aumento del passato ma si è ora rifiutato di commentare.

Fico aveva recentemente bloccato il progetto di vendita delle quote di E.ON Ruhrgas e GdF Suez al gruppo ceco Energetický a prumyslovy Holding (EPH) se volevano procedere nell’aumento dei prezzi. Fico ha dato il via libera alla vendita soltanto quando la futura acquirete ceca ha promesso di non aumentare le tariffe o di rivolgersi a un tribunale.

Se il costo del gas dovesse crescere del 25%, una famiglia media che consuma circa 3.000 metri cubi di gas all’anno si vedrebbe un aumento delle spese mensili di 33 euro.

(Fonte Pravda)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.