Hamsik come la mozzarella, ora è campano Doc

Cittadinanza onoraria per Marek Hamsik in quella che è iniziata come la sua migliore stagione in maglia azzurra, dopo oltre duecento partite giocate a Napoli. No, la cittadinanza non è quella del capoluogo campano, ma è comunque un segno evidente dell’attaccamento del territorio a questo guerriero barbaro – la cui cresta fisiognomica non fa che confermare la sua grinta – venuto nel regno della pizza e dei babbà da una sconosciuta Slovacchia.

Venerdì Marek Hamsik, dopo una probabilmente lunga caccia piena di lusinghe, si è presentato in “tiro” (cioè con la cresta ben impomatata) presso il Consiglio comunale di Taurano, provincia di Avellino (millecinquecento anime), per vedersi consegnare le chiavi del paese. Dopo aver dato rifugio nel XIX secolo a Fra Diavolo, il patriota che combatteva il dominio francese, Taurano fa dunque ora  tutti gli onori al trequartista slovacco Hamsik aprendogli i cuori e dandogli l’onore di divenirne cittadino onorario. Per lui, oggetto del desiderio dei maggiori club continentali, si sono mossi il sindaco Antonio Graziano e la Pro Loco locale, che hanno accolto il calciatore con il padre Richard, la moglie Martina, il Console e Capo dell’Ufficio consolare della Slovacchia a Roma Lubica Mikusova.

Dopo la cerimonia in municipio, Marek si è recato sul locale campo sportivo dove ha incontrato i fans e firmato autografi, fermandosi ad assistere ad un match tra due squadre locali.  Secondo il Mattino, ad aspettare il napoletano Hamsik c’erano almeno mille tifosi. Emozionato, e soprattutto felice di quest’altra dimostrazione del calore campano, Hamsik ha confermato la gioia e la sorpresa che aveva già espresso sul suo sito ufficiale.

(Fotografie di Silvia Blechova)

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google