Sterilizzazione: il Parlamento respinge la proposta di legge di SaS

Nella sessione di ieri il Parlamento ha bocciato il disegno di legge dei neoliberali di SaS sullla sterilizzazione facoltativa gratuita, progetto che è stato sostenuto da appena 15 dei 133 deputati presenti. Il provvedimento, presentato dal’ex Segretario di Stato del Ministero del Lavoro Lucia Nicholsonova, voleva offrire la sterilizzazione gratuita alle persone con almeno quattro figli o coloro di almeno 35 anni con tre figli. Secondo lei, la legge avrebbe potuto ridurre il numero degli aborti. Una idea che, pur senza dirlo, si riferisce in particolare alle donne di etnia rom che rientrano in un quadro di alta natalità senza poter garantire ai figli una adeguata attenzione.

Alla discussione parlamentare, durata cinque ore, hanno partecipato in particolare i cristiano-democratici  di KDH e i deputati di OLaNO. L’ex Ministro della Salute Ivan Uhliarik (KDH) ha sottolineato la irreversibilità della pratica di sterilizzazione, e ha biasimato l’idea che potrebbe rivelarsi in futuro un tragico errore. Mentre il leader di Gente Ordinaria Igor Matovic ritiene che piuttosto che le sterilizzazioni dovrebbe avere il lavoro ad avere un posto di primo piano nelle politiche per ridurre il tasso di natalità tra le donne degli insediamenti rom, che sono in gran parte disoccupate.

La Nicholsonova aveva recentemente fatto presente come la sterilizzazione volontaria sia una comune forma di contraccezione in un certo numero di paesi europei.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.